ViaggiNews

Capodanno 2015. Ecco le mete top per i giovani

venerdì, 26 dicembre 2014

Thinkstock

Thinkstock

E’ tempo di austerity anche per i viaggi. Si spende meno rispetto agli altri anni e quando lo si fa si pone molta attenzione al costo finale della vacanza. I giovani anche se si distinguono per la grande propensione al viaggio dispongono di un budget limitato e chi può si organizza con largo anticipo fino a risparmiare dai 100 ai 150 euro rispetto al prezzo normale. Lo comunica in una nota il CTS –Centro Turistico Studentesco e Giovanile-.

 In vetta alla classifica domina come sempre il vecchio continente: Berlino e Amsterdam le più gettonate. A seguire Parigi, Londra e Barcellona. Il target di riferimento è quello 18-25 anni mentre un pubblico più adulto sceglie Vienna, Praga e Budapest e l’intramontabile crociera.

La formula di viaggio preferita è quella dei week end lunghi con un costo medio che si aggira intorno ai 60/70 euro a notte in bed&breakfast in camera doppia. La spesa media per un pacchetto alberghiero in Europa parte da 280 euro.

Sul lungo raggio la fascia di soci tra i 25 e i 40 anni sceglie New York come meta preferita, destinazione scelta soprattutto per passarci il Capodanno. Il costo medio di un hotel centrale si aggira intorno ai 250 euro a notte. Oltre agli USA scelgono il mare del Messico e delle Maldive. In leggera flessione la Thailandia mentre l’India fa la parte da leone.

All’interno dei confini italiani le destinazioni che attraggono più turisti sono Roma seguita da Firenze, Venezia e Rimini la capitale del divertimento dei giovani. La spesa media per il pernottamento e prima colazione in Italia si aggira intorno ai 180 euro.

Si riscontra una brusca battuta d’arresto per i paesi del nord Africa, causata principalmente dall’instabilità politica. Fa eccezione solo il Marocco, paese politicamente stabile, che si presta ad un pubblico sia di giovani che di famiglie – afferma Maurizio Casatriste Responsabile Outgoing di CTS – Sempre più spesso i giovani approfittano del periodo di vacanze natalizie per seguire dei corsi di lingua. Succede principalmente a Londra e soprattutto con gli studenti universitari che si godono i divertimenti di una città cosmopolita e allo stesso tempo rispolverano la lingua.”

Tags:

Altri Articoli Interessanti: