ViaggiNews

Scarpe appese ai fili della luce nelle città del mondo. Sapete perchè?

giovedì, 23 ottobre 2014

Thinkstock

Thinkstock

Girando per il mondo vi sarà sicuramente capitato di vedere molte cose strane e diverse: monumenti, installazioni, graffiti e, perchè no, delle scarpe appese ai fili dell’elettricità sopra la città. Non è uno scherzo e, se ben ci  pensate, vi ricorderete anche delle scene in alcuni film com “Big Fish” di Tim Burton in cui, prima di entrare in un paese incantato, si lanciavano le proprie scarpe su un filo posto all’ingresso del paese.

Si chiama “shoefiti” e dall’America è una moda che è arrivata anche in Europa e in Italia. Sono in molti ad essersi interrogati sul perchè si lascino appese coppie di scarpe o anche singole sneakers appese ai fili della luce e le risposte sono ancora a oggi le più svariate. Si pensa sia un segno di protesta, ma anche un po’ uno spirito di emulazione dei film in cui si è visto praticare questa strana usanza. Altre ipotesi riguardano invece delle segnalazioni da parte di spacciatori che indicano agli acquirenti la loro presenza in quella precisa zona per la vendita di sostanze stupefacenti in grande quantità

L’ipotesi più accredita però ad oggi è quella sociologica. Si sono viste infatti scarpe da calcio appese ai fili dell’elettricità a Rio De Janeiro durante i mondiali di calcio in segno di protesta e per indicare la voglia di riscatto e di libertà. Spesso queste scarpe infatti si ritrovano in quartieri dove si vivono situazioni di estrema difficoltà. Il significato secondo i sociologi infatti può essere sia quello di dimostrare la voglia “segnare il territorio” e di segnare fisicamente un legame con il luogo in cui si abita, ma anche l’idea di lasciare metaforicamente le proprie radici e di rinascere con un nuovo contatto con il territorio.

Le interpretazioni di questo fenomeno sono quindi le più disparate, ma una cosa è certa, queste scarpe appese ai fili stanno diventando sempre più scenografiche e popolari al punto tale da finire negli scatti di molti fotografi professionisti.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: