ViaggiNews

Australia, tutto quello che c’è da sapere per visitarla senza problemi

sabato, 12 luglio 2014

australia

Ecco quello che serve per recarsi in Australia/Roma – Uno dei luoghi più affascinanti della terra è sicuramente l’Australia, meta molto ambita dai turisti di tutto il mondo. In questo meraviglioso angolo di mondo tante sono le regole da rispettare, per cui è meglio informarsi prima di incorrere in qualche contrattempo.

Australia, documenti necessari per entrare

Per entrare in Australia, così come per ogni altro Paese extra europeo sono necessari il Passaporto e il Visto d’ingresso.

Il Visto d’ingresso per l’Australia è di diverso tipo, dipende dalla motivazione del viaggio. Quelli principali, e più richiesti, sono di tre tipi, ovvero

Student Visa, che è il visto concesso agli studenti che qui si recano per studiare. È valido per l’intero corso di studio, non importa se trattasi di un corso universitario o di un corso di lingua l’importante è attestare l’iscrizione presso una scuola riconosciuta. Lo stesso visto permette ai giovani studenti di lavorare per un determinato numero di ore al giorno per permettere loro di ammortizzare le spese sostenute. Il costo di questo visto è di 550 dollari australiani, corrispondenti a 400 euro.

Tourist Visa, questo è il visto concesso a chi si reca in Australia per turismo e non permette di fare alcun lavoro neppure in nero. La polizia fa controlli periodici e se trovano i turisti lavorare in nero li espelle dal Paese e ne vieta il ritorno in Australia per almeno 5 anni. Questo visto ha una durata massima di 90 giorni ma possono essere prorogati fino a un anno, costa 110 dollari australiani, ovvero 80 euro.

Working Holiday Visa, è il visto concesso a coloro che si recano in Australia per una vacanza-lavoro e ha una durata massima di un anno. Per poter ottenere questo visto occorrono due requisiti necessari: avere un’età inferiore ai 30 anni e non aver già usufruito dello stesso visto. Il visto ha delle condizioni da rispettare, cioè non si può lavorare con lo stesso datore di lavoro per un periodo superiore a 6 mesi e il periodo di studio non può superare 4 mesi in totale. Il Working Holiday Visa costa circa 200 dollari australiani, ovvero 160 euro.

Il Visto, di qualsiasi genere, può essere richiesto direttamente sul sito del Ministero dell’Immigrazione australiana con una procedura molto semplice e viene rilasciato in pochi giorni. La compilazione della richiesta è scritta in lingua inglese per cui è indispensabile conoscere la lingua per non commettere errori che potrebbero comprometterne l’esito.

Altri documenti che comunque conviene portare sono la Patente internazionale e la tessera sanitaria. Una delle dritte date da coloro che hanno fatto ritorno dall’Australia è quella che riguarda la patente, è possibile, infatti, prendere la patente australiana direttamente in loco, pagando una cifra di circa 50 euro e mostrando la patente italiana.

Suggerimenti utili.

Meglio evitare le spiagge senza vigilanza da parte delle squadre di salvataggio poiché è rischioso fare in bagno in alcuni tratti di mare, dove le forti correnti oceaniche causano ogni anno numerosi annegamenti. Sconsigliabile bagnarsi, poi, nel periodo più caldo dell’anno, quello che va da dicembre a marzo, per la presenza di meduse dai tentacoli spesso mortali nonché di squali e di coccodrilli presenti sulle spiagge del Nord Queensland.

Per coloro che decidono di avventurarsi in escursioni nella natura selvaggia è utile comunicare alla stazione di polizia più vicina l’itinerario che si decide percorrere affinché in caso di difficoltà gli stessi agenti possano intervenire senza difficoltà.

Fonte: wordpress.com

Tags:

Altri Articoli Interessanti: