ViaggiNews

Dove, come e quando fare parapendio in Italia: tutte le informazioni utili

giovedì, 1 maggio 2014

Getty Images

Getty Images

Sport estremi: ecco dove fare parapendio/Roma – Se vi affascinano gli sport estremi e adrenalinici non potete assolutamente perdervi queste due giornate di avvicinamento al volo libero nel  mese di maggio, dedicate a tutti i curiosi che vogliono sapere che cosa è e come vola un parapendio.

Il primo open day è organizzato dalla scuola North West Paragliding di Baveno (Verbania) per domenica 4 maggio al Mottarone, monte alto 1500 metri sopra Stresa (Verbania), con vista panoramica su ben sette laghi, in particolare il Maggiore con le isole Borromee e quello d’Orta.

Il programma prevede il ritrovo presso il bar Alp situato di fronte alla pista sintetica di sci dove, con l’aiuto di materiale multimediale, lo staff della scuola provvederà dapprima a sgomberare il campo da ogni luogo comune. Si passerà poi a spiegare funzionamento, caratteristiche e funzionalità dei parapendio, mezzi senza motore, che sfruttano le correnti d’aria ascensionali provocate dall’irraggiamento solare del suolo per reggersi in aria, salire in quota e percorrere molti chilometri.

Dopo la pausa pranzo, sotto la supervisione di piloti esperti, i partecipanti potranno visionare le attrezzature su un prato, effettuare prove pratiche di “gonfiaggio” delle vele e porre tutte le domande del caso. La giornata è gratuita e tra tutti i partecipanti sarà estratto un volo biposto con istruttore da sfruttare subito od in altra data. In caso di brutto tempo l’open day si terrà al palazzetto del ghiaccio di Colazza (Novara).

Un raduno di piloti di parapendio e deltaplano è organizzato invece domenica 25 maggio dal Volo Libero Bergamo presso l’atterraggio ufficiale dell’associazione a Palazzago (Bergamo). L’iniziativa si propone, non solo come giornata di voli spensierati per piloti esperti, ma anche come giornata di introduzione al volo libero per tutti coloro che ne vogliono sapere di più.

Gli organizzatori cercheranno di soddisfare domande e curiosità di chi non ha mai sperimentato il fascino del volo sulle ali del vento. Sarà possibile contattare gli istruttori per farsi spiegare in cosa consiste un corso di parapendio o un semplice volo in biposto con loro.

Per i piloti esperti ecco una prova di abilità in atterraggio ed un contest fotografico. La prima consiste nel centrare un bersaglio posto sul prato, mentre l’altra nel ritrarre dal proprio parapendio o deltaplano altri mezzi in volo. Una giuria deciderà la foto da stampare su legno con una tecnica particolare.

La giornata, all’insegna della festa, è dedicata, non solo ai piloti, ma anche a famiglie, bambini soprattutto, per i quali è prevista un’apposita area di animazione con attività legate all’argomento “Aria”: coloriamo il cielo, bolle di sapone giganti, la torre, il paracadute ed altri giochi come “attenti al dado”, caccia al tesoro, shangai e domino giganti. Il tutto mentre decine di vele colorate volteggeranno sopra le creste della Roncola e del monte Linzone in ricordo del pilota Fulvio Scalvenzi al quale è intitolata la festa.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: