ViaggiNews

CAMBRIDGE: Tra Università, Pink Floyd e l’albero di Newton

martedì, 15 ottobre 2013

Scopriamo insieme le bellezze di Cambridge, cittadina Inglese decisamente sottovalutata / Roma – Se pensiamo a Cambridge il primo elemento che ci viene in mente è senza dubbio l’Università, ma l’idea comune che si ha di questa cittadina Inglese è decisamente limitata e limitante.. Cambridge è molto molto di più! Questa ridente oasi a pochi km da Londra, non è infatti solo ricca di cultura, ma anche di musica, scienza ed arte.

Roccaforte della cultura è l’Università di Cambridge, conosciuta in tutto il mondo per l’eccellenza dei suoi corsi ed insegnanti e perchè è tra le università più antiche d’Europa. La Cambridge University ha ospitato grandi personalità quali: Christopher Marlowe, Laurence Sterne, William Wordsworth, Francesco Bacone, John Donne,  George Gordon Byron, Sylvia Plath, Robert Walpole e molti molti altri.

Leggende narrano che a Cambridge si trovi il discendente dell’ “Albero di Newton”, ovvero la pianta dalla quale cadde la mela che ispirò Isaac Newton e gli fece comprendere la legge di gravità. L’ albero, situato davanti al Trinity College, è meta obbligata per i turisti, che amano immaginare il celebre fisico mentre riceveva l’illuminazione che gli avrebbe cambiato la vita e che avrebbe rivoluzionato il mondo.

Newton non è però l’unico personaggio importante che visse e creò a Cambridge, infatti la cittadina Inglese ha ospitato tre tra i musicisti più importanti di tutti i tempi. I nomi dite? Roger Waters, David Gilmour e Roger Keith “Syd” Barrett..sì, proprio loro, i Pink Floyd!! David e Syd ci sono nati, Roger si è aggiunto in un secondo momento, ma i tre hanno condiviso con Cambridge la prima parte della loro mitica storia e hanno trascorso ore ed ore al pub “The Anchor”.

Se non vi bastassero queste meraviglie storico-scientifico-musicali, Cambridge offre inoltre splendidi paesaggi sia d’estate che d’inverno! Verdi prati ed incantevoli giardini nella stagione calda e romantici scorci innevati durante l’inverno.

Fonte foto: Pinterest

Tags:

Altri Articoli Interessanti: