ViaggiNews

Natale 2012: Presepi Viventi, i più belli in Italia

martedì, 11 dicembre 2012

Getty Images

Prespi viventi Italia dove quando vederli/Roma-Il presepe vivente consiste nella rappresentazione della natività di Cristo attraverso attori e attrici. Questa tradizione deriva, secondo gli storici, dai movimenti francescani: secondo l’agiografia di San Francesco, il primo presepe vivente venne messo in scena nel borgo di Greccio (Rieti) nel 1223. I presepi viventi sono oggi diffusi in tutto il mondo, inoltre la rappresentazione spesso viene rielaborata in vere e proprie performance che coinvolgono interi quartieri e gruppi di attori professionisti. L’Italia, tuttavia, offre numerose occasioni per partecipare a presepi viventi tradizionali- ecco i più belli:

 

Nord Italia

La tradizione dei presepi viventi è particolarmente viva in Lombardia; i presepi più belli di questa regione sono quello di Piubega (Mantova), Venegono (Varese) e Casletto, un borgo in provincia di Lecco. Nella provincia di Padova le rappresentazioni più popolari sono invece quelli organizzati a San Pietro in Gu e Codiverno, dove ogni anno oltre duecento figuranti mettono in scena un episodio della Bibbia. Chi si trova in Trentino non può perdere la natività di Spera: il paesino coinvolge tutti gli abitanti in uno scenario incantato e imbiancato dalla neve. Per quanto riguarda la Valle d’Aosta, il presepe vivente più famoso è sicuramente quello di Roisan, che viene illuminato da una suggestiva fiaccolata e ha la particolarità di offrire specialità gastronomiche locali e attività per i più piccoli.

 

Centro Italia

L’Umbria, terra di origine dei presepi viventi, offre le rappresentazioni più pittoresche dell’intera penisola. I borghi più belli per i presepi viventi sono quelli di Marcellano (Perugia), Vesce (Perugia), Petrignano e Collina (nei pressi di Assisi). Nei pressi di Terni, vale la pena visitare il borgo di Renaglie, dove nella rappresentazione vengono messi in scena anche i mestieri tradizionali oramai scomparsi (con numerosi animali), mentre è immancabile la partecipazione al presepe di Greccio, eredità mai interrotta di quello di San Francesco. La regione della Tuscia è conosciuta come la più popolare per i presepi viventi del Lazio che, oltre alla rappresentazione della natività in Vaticano, offre splendide natività a Civita di Bagnoregio (Viterbo), Corchiano (Viterbo) e tra le rovine della necropoli di Sutri (Viterbo).

 

Sud Italia

Uno dei presepi più conosciuti della Campania è quello di Vaccheria, che deriva da una tradizione settecentesca e coinvolge il centro del paesino casertano. In Puglia, i presepi viventi si sono diffusi soprattutto a partire dall’800; le rappresentazioni più particolareggiate sono messe in scena a Canosa , Gallipoli, Ostuni e tra i trulli di Alberobello, che assieme a quello di Matera (situata in Basilicata) vanta una location parte del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. In Sicilia, i presepi più scenografici sono a Custonaci (Trapani), Montaperto (Agrigento), Aci Sant’Antonio (Catania).

 

 

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: