ViaggiNews

Guida Formentera: le spiagge da non perdere

giovedì, 19 aprile 2012

Formentera, spiaggia di Es Pujol

Quali sono le spiagge più belle di Formentera? \ Roma –L’estate che arriva significa sì un sogno che si realizza ma, come tutti i sogni, c’è anche il risvolto della medaglia: per vivere infatti un’estate al top bisogna prima organizzarla e fine aprile è senza dubbio il miglior periodo per prenotare garantendosi prezzi convenienti, un risparmio che certo di questi tempi non guasta.

Per decidersi il primo passo è però sempre quello di raccogliere informazioni e, trattandosi di estate, per un’eventuale viaggio al mare l’occhio cade subito sulle spiagge: quali sono allora le migliori? Be’ il mondo è ricco di meraviglie ma, per rimanere in zona Mediterraneo, alcuni tra i lidi più affascinanti si trovano senza dubbio nella bella Formentera, isola spagnola sempre amata dai turisti italiani in cerca di grandi spiagge, mare cristallino e tanta gioventù.

Ma quali sono nel dettaglio queste spiagge da sogno?

Partendo dalle basi c’è senza dubbio la spiaggia di Es Pujols, perfetta per chi ama avere tutto a portata di mano: questa è infatti la spiaggia del centro cittadino principale e ciò permette di avere bar e ristoranti al di là del muretto che divide la sabbia dalla strada. Se avere la cittadina ad un metro dall’asciugamano può essere un vantaggio, questo è al tempo stesso un possibile deficit, dato che certo il panorama non può che risentirne.

Per chi allora ama la natura incontaminata perfetta è una gita al Parco Naturale delle Saline: questa si presenta come un’ampia zona totalmente protetta ai cui visitatori viene chiesto un piccolo pedaggio per vetture e motorini; il prezzo però vale senza dubbio lo spettacolo che ci si accinge ad ammirare. Strade sterrate corrono tra la bassa vegetazione che cela calette nascoste più o meno grandi, sino ad arrivare alla spiaggia più grande e famosa dell’isola, ses Illetas, una lunghissima lingua di candida sabbia che lambisce un mare cristallino disseminato di piccoli isolotti che sembrano messi dalla natura a guardia della spiaggia.

Per chi poi ai surfisti e al glamour di ses Illetas preferisse qualche cosa di più tranquillo ma altrettanto scenografico c’è Espalmador, una caletta alla punta estrema delle Saline, da cui parte una striscia di sabbia che conduce all’isolotto di S’Espalmador, raggiungibile via mare ma, nelle giornate più belle, anche a piedi, grazie al livello delle acque non troppo alto che consente di approdare a questo luogo ricco di fauna e flora unica nel suo genere.

Avvicinandosi poi nuovamente ad un centro abitato, La Savina questa volta, si incontrano due calette, rispettivamente Cala Savina e Cavall d’en Borràs, piccole ma incantevoli spiagge dove il fondale sabbioso regala al mare meravigliosi giochi di colore. E’ una spiaggia perfetta per le famiglie, data la vicinanza al porto ma anche la presenza di una grande pineta fonte di ristoro, ma anche ritrovo per coppie omosessuali.

Vicino alla capitale, Sant Francesc Xavier, si trova invece la famosissima Cala Saona, una striscia di sabbia corta e assai profonda, stratta tra due filar di rocce rosse, casa di un mare dal colore indescrivibile. La massiccia presenza di punti di ristoro e alberghi rende questo lido perfetto per le famiglie ma al tempo stesso ne ha un po’ intaccato la naturale bellezza.

Chi allora volesse scoprire la vera e selvaggia Formentera dovrà spostarsi verso la costa sud, quella più variegata e incontaminata, lungo la quale sorge non a caso la spiaggia più grande dell’isola, Platja de Migjorn: sei chilometri tra ciottoli e sabbia lambiti da acque azzurre forse meno trasparenti di quelle che toccano il resto dell’isola ma certo altrettanto intonse.

Sempre selvaggia ma ancor più difficile da trovare è Calò d’es Morts, letteralmente la “caletta dei morti”, luogo che a dispetto del suo inquietante nome è una vera perla dell’isola: un anfratto nascosto tra le rocce nei pressi di Mar y Land con acque trasparenti ma spazzi assai ridotti,  motivo per cui è consigliabile recarcisi abbastanza presto.

Infine uno dei luoghi più affascinanti dell’isola è senza dubbio Platja de Llevant, una delle spiagge più belle delle Baleari la cui acqua è paragonabile solo a quella di una piscina e fortunatamente, mai tanto affollata da impedire di goderne a pieno lo splendore. Un luogo la cui bellezza non è certo sfuggita neanche ai nudisti che hanno fatto di questa spiaggia la loro favorita.

 

Questi dunque i migliori motivi per trascorrere l’estate 2012 a Formentera: vi sembrano sufficienti?

Francesca Testa

Tags:

Altri Articoli Interessanti: