ViaggiNews

Guide | Santo Domingo, perla dei Caraibi: consigli e info

sabato, 1 ottobre 2011

Santo Domingo (foto dal web)

DESTINAZIONI A SANTO DOMINGO TRA STORIA NATURA E DIVERTIMENTO\ROMA- Vallate di vegetazione rigogliosa, foreste di mangrovie e palme di cocco, imponenti cascate, spiagge di sabbia bianca bagnate da acque cristalline.  Questo paesaggio paradisiaco fa di  Santo Domingo la perla dei Caraibi.  Santo Domingo ha una grande storia alle sue spalle, fu infatti la prima città europea del nuovo mondo, la prima scoperta da Cristoforo Colombo. La capitale della Repubblica dominicana è una destinazione ideale per chi vuole unire cultura, divertimento e  vivere a contatto con la natura.

COSA VEDERE: Dal punto di vista architettonico, una visita merita il Ciudad Colonial: il quartiere coloniale spagnolo, in stile tardo gotico,  entrato a far parte del patrimonio mondiale dell’umanita dell’UNESCO. La Ciudad Colonial è ricca di monumenti ed attrattive turistiche; è consigliabile dedicare almeno 1-2 giorni per visitare questo gioiello architettonico. Il centro è costituito da Plaza Colon in cui si affaccia la Basilica minore di Santa Maria. Il quartiere coloniale è dominato dalla Fortaleza Ozama costeggiata dall’omonio fiume che attraversa la città. Molto pittoresche sono le case in stile coloniale come la Casa del Cordon costruita nei primi anni del sedicesimo secolo. La zona colonial è molto bella da visitare anche di notte con i suoi numerosi locali tradizionali. Un altro luogo interessante è il Faro a Colon, costruito nel 1992 in onore del V centenario della scoperta dell’America .E’ un monumento totalmente dedicato a Cristoforo Colombo.

LE SPIAGGE: Una delle maggiori attrattive del paese sono le spiagge:  Boca Chica è a pochi minuti dall’aereoporto. Si trova in una ampia baia protetta da una barriera corallina. Nei paraggi di Juan Dolio si trovano le incantevoli spiagge di Playa Caribe, Playa Guayacanes e Playa Juan Dolio, con un palmeto alle sue spalle. Barahona ha spiagge tranquille ed è base per escursioni alla Sierra di Baharuco, che vanta cime oltre i duemila metri. Altre bellissime spiagge si trovano nelle aree dei villaggi e hotel di Samanà, Playa Bavaro, Punta Cana, Bayahibe. A Samanà,  si possono osservare le balene, soprattutto tra il 15 gennaio  eil 15 marzo. Per gli amanti delle emozionio forti, si possono fare delle gite in barca sul lago Enquirillo dove vivono circa 500 coccodrilli, mentre all’isola Cabritos si possono ammirare alcune enormi iguane.

DIVERTIMENTI NOTTURNI:  Le discoteche prediligono salsa e merengue, ma anche i successi americani.  In quasi tutti i locali si organizzano spettacoli di musica live. Ricordiamoci che a Santo Domingo si celebrano ben due carnevali, composti da sfilate, carri allegorici, musica.  Dunque la musica e il ballo sono due componenti importanti di questa  cultura. Ma non solo il carnevale fa da padrone al divertimento, vengono organizzati anche festival musicali e culturali, e grandi festeggiamenti in occasione della settimana santa e dei campionati mondiali di windsurf.

COME ARRIVARE: Dall’Italia non ci sono voli diretti per Santo Domingo, è necessario quindi fare scalo in qualche capitale europea. Le principali compagnie aeree che volano per la perla dei Caraibi sono Iberia e Air France.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: