ViaggiNews

Guida turistica | Estate 2011, Argentario: tra vip, relax e mare

sabato, 28 maggio 2011

L'Argentario (foto dal web)

GLAMOUR, BUONA CUCINA, MARE CRISTALLINO, RELAX: MONTE ARGENTARIO, TOSCANA \ ROMA – Uno scoglio in mezzo al mare che con il tempo e le correnti marine si è legato alla costa: questo è l’Argentario, vera e propria punta di paradiso nel mare della Toscana. Luoghi meravigliosi affacciati sul Mar Tirreno con vista sull’arcipelago toscano con Isola del Giglio e Giannutri: questo fa dell’Argentario il luogo ideale per trascorrere una vacanza di relax ma, per chi vuole, anche di divertimento.

 

Porto Santo Stefano

Cittadina con lungomare piacevole e divertente, meta senza dubbio di un turismo d’élite, Porto Santo Stefano è uno dei due centri abitati principali del promontorio. Il modo migliore per esplorare questa cittadina portuale è passeggiando: è opportuno quindi lasciare la macchina in uno dei parcheggi all’imbocco del centro e proseguire a piedi.

I primi luoghi che si incontrano sono il cantiere navale e il Porto del Valle: nel primo vengono costruite meravigliose imbarcazione mentre il secondo è punto di ritrovo per i pescatori ma anche luogo di partenza per le gite al Giglio e Giannutri.

Si imbocca poi il Lungomare dei Navigatori che, tra una panchina e l’altra, vi condurrà fino al Porticciolo della Pilarella con la Piazzetta dei Rioni, vero è proprio cuore pulsante di Porto Santo Stefano.

Più in alto sorge la Fortezza Spagnola: la fatica della salita, breve ma un po’ ripida, viene pienamente ripagata dalla vista mozzafiato che si può ammirare una volta arrivati. Ma non è quest’ultimo l’unico luogo a rigalare panorami incantevoli: vi è infatti anche la Strada Panoramica che garantisce inoltre molti punti in cui potersi fermare ad ammirare il paesaggio.

 

Porto Ercole

Questo è il vero e proprio approdo dei vip i cui yacht ormeggiati al porto o al largo sono parte integrante del panorama locale. La mondanità però non intacca minimamente la serenità del luogo: il lungomare garantisce infatti piacevoli serate da trascorrere passeggiando o a cena in uno dei ristoranti con terrazza sul mare.

La parte antica del borgo si colloca all’estremità meridionale della baia e vi si accede attraverso Porta Pisana: si imboccando così una serie di viuzze circondate da antiche mura che si ricongiungono poi alla rocca. Passeggiando per il centro si giunge fino alla panoramica piazza Barbara dove sorge anche il Palazzo del Governatore e si arriva poi alla Chiesa più antica del luogo, risalente addirittura al Settecento.

Ma Porto Ercole non si esaurisce certo nel borgo: parte integrante della località è costituita dai Forti dispersi lungo la costa come baluardi difensivi, risalenti all’epoca della dominazione spagnola.

 

Le spiagge

Questo piccolo promontorio conta ben 36 spiagge affastellate lungo il perimetro della costa. Alcune sono lunghe strisce di sabbia, altre piccole calette ma tutte garantiscono colpi d’occhio affascinanti e mare cristallino. Accennare a quelle più significative è certamente opportuno:

Spiaggia la Giannella: Una lunghissima striscia di sabbia finissima in cui stabilimenti balneari si alternano tratti di spiaggia libera. Il tutto è reso ancor più piacevole dalla fitta pineta che si staglia alle spalle delle dune di sabbia.

Spiaggia i Bagni di Domiziano: Piccola caletta sabbiosa ai piedi di quella che fu la dimora dell’Imperatore Domiziano. L’acqua rimane bassa anche lontano dalla riva e, con la bassa marea, affiorano in superficie i resti delle antiche vasce per l’allevamento del pesce.

Spiaggia la Bionda: le ville che vi si affacciano e  le piccole dimensioni rischiano spesso di farla scambiare per una spiaggetta privata, ma questa è in realtà una delle più amate dagli abitanti del posto, in virtù del suo essere racchiusa da rocce.

Spiaggia la Cacciarella: lontana dai centri abitati non presenta bar o altri punti attrezzati, ma in compenso la bellezza naturale di questa piccola spiaggia sabbiosa incastonata tra il verde e le rocce è davvero sorprendente.

Spiaggia Cala Grande: questa comprende in realtà tre calette di ciottoli e sabbia in cui la natura arriva a ridosso dell’acqua; non c’è imbarcazione che non vi faccia sosta o turista che non si fermi ad immortalarne la bellezza scattando qualche foto.

Spiaggia Cala Gesso: è forse la più bella dell’Argentario e anche se per arrivarci occorre percorrere 700 metri a piedi, l’incanto di questa cala composta da piccolo ciottoli candidi ripaga della scarpinata sotto il sole.

Spiaggia Cala Bove: qui la sabbia non è contemplata, infatti il luogo è consigliato a chi ama gli scogli che qui sono stati levigati dal vento e consentono quindi di potersi sdraiare a prendere il sole

Spiaggia Mar Morto: il nome deriva dalla particolari conformazioni rocciose che hanno chiuso questa spiaggia creando delle vere e proprie piscine naturali dove l’acqua è sempre calmissima e permette di fare il bagno in totale relax.

Spiaggia la Feniglia: è la lunga spiaggia attrezzata con alle spalle l’omonima riserva naturale, in cui a fine giornata sarà piacevolissimo fare una passeggiata che potrebbe riservare un incontro con i numerosi daini che vivono qui.

 

Costi

Una vacanza all’Argentario non può certo essere definita low cost, ma con un po’ di pazienza si potranno trovare luoghi per il pernottamento a costi ragionevoli. La spesa può comunque essere ampiamente motivata dalla bellezza del luogo: meta per un viaggio dove il relax e il divertimento vivono in armonia dentro ad un ambiente naturale mozzafiato.

Francesca Testa

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: