ViaggiNews

Spiritualità | Monastero di Pomaia, un angolo di paradiso in Toscana

martedì, 29 marzo 2011

Monastero di Pomaia (foto dal web)

IDEE DI VIAGGIO MONASTERO DI POMAIA/ ROMA -Immerso nelle splendide colline attorno a Livorno, circondato da un’atmosfera di pace e silenzio sorge, a circa 40 km a sud di Pisa, il Monastero di Pomaia. Questa è la visuale che si pone dinanzi al visitatore che giunge all’Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia; si tratta del più importante centro buddhista d’Europa è un luogo molto caro al Dalai Lama ma anche a maestri e meditatori di una certa fama che lo visitano regolarmente. Una visita al monastero è senza dubbio una grande occasione per tutti coloro che vorranno fare la conoscenza della filosofia buddista dedicando allo stesso tempo un po’ di relax alla propria anima ma anche al proprio corpo. Il monastero prevede infatti la possibilità di ospitare cento persone; al suo interno vi sono: sale di meditazione, biblioteca e venti piacevolissimi cottage in legno per gli ospiti del monastero in  particolare per i visitatori che svolgono dei ritiri di meditazione.  Coloro che vorranno rilassarsi in questo angolo di pace troveranno dei confortevoli alloggi, tanto relax per l’animo e il corpo,una  tipica cucina italiana, esclusivamente vegetariana..in poche parole scopriranno un luogo ideale dove imparare a conoscere veramente il Dharma. I visitatori del monastero potranno seguire, inoltre,dei corsi di buddismo, delle iniziazioni tantriche e vari ritiri.Alcuni di questi ritiri si effettuano collettivamente in alcuni giorni previsti dal calendario tibetano. Durante il proprio  soggiorno gli ospiti potranno conoscere i luoghi e le cerimonie che si svolgono nel monastero, partecipare alle attività di karma yoga, o fermarsi un attimo al coffe shop anche per acquistare testi e oggetti utili alle pratiche.  Si possono effettuare anche vere e proprie visite guidate all”Istituto, infatti,  il monastero  accoglie tutte le domeniche alle 16.30 i visitatori che vi si recano per la prima volta. Per chi ha sete di conoscenza ci sono anche, nella sala di meditazione, monaci o praticanti laici che offrono la loro conoscenza. Inoltre, il monastero accoglie da molti anni anche le classi che vengono in gita giornaliera durante l’anno scolastico.
Una visita a questo monastero è d’obbligo, che si  tratti di un solo giorno, di un week end..o di un periodo anche più lungo, questo paradiso va visto e vissuto in tutti i sensi e soprattutto con tutti i sensi.

Eren Gunes

Tags:

Altri Articoli Interessanti: