ViaggiNews

News | Tsunami Giappone: allerta per tre centrali

domenica, 13 marzo 2011

TERREMOTO GIAPPONE ULTIMISSIME NEWS NOTIZIE / ROMA – Il Giappone è in ginocchio. A tre giorni dal devastante sisma che ha colpito il Sol Levante e dal conseguente tsunami che ha spazzato via intere città, la situazione rimane gravissima. Il numero delle vittime si aggrava drammaticamente di ora in ora: potrebbero essere 10000 solo nella zona di Mayagi, la più vicina all’epicentro del sisma, stando a quanto riferito dal capo della polizia locale. Il bilancio ufficiale è per il momento di 1600 morti accertati. Inoltre cresce il rischio di un’esplosione nel reattore 3 della centrale nucleare di Fukushima. Il premier giapponese ha ammesso che la situazione della centrale “è grave”. E mentre a Sendai, l’area più colpita dallo tsunami, mancano cibo, acqua e carburante, gli esperti mettono i guardia per il pericolo di nuove e violente scosse di terremoto e per lo tsunami.

Ore 19.00 – Rischio ipotermia per gli anziani. L’allarme lanciato dalla Croce Rossa

Ore 18.30 -E’ tornato a funzionare il sistema di raffredamento del reattore n.2 della centrale di Tokai. Due generatori su tre sono in avaria.

Ore 17.30 – Non è solo la centrale di Fukushima a preoccupare. Anche quella di Tokai ( a 120 km da Tokio) presenta dei problemi, csì come quella di Onagawa dove la radiazioni sono superiori ai livelli normali.

Ore 16.30 – Lunedì riapre la borsa di Tokyo

Ore 16.15 – La terra trema ancora: scossa sismica di magnitudo 6

Ore 16.00 – Si teme che il materiale fuoriuscito dalla centrale nucleare di Fukushima, sospinto dai venti verso est, possa ricadere a terra con la pioggia, attesa per domani sera.

Ore 15.30 – Sono 700mila le persone evacuate dalle loro abitazioni.

Ore 14.20 – Rischio elevato che nei prossimi tre giorni si produca una scossa di magnitudo 7 gradi della scala Richter. Lo riferisce l’agenzia metereologica giapponese

Ore 12.30 – Il premier giapponese Naoto Kan assicura: “Non ci sarà un’altra Cernobyl”.

Ore 12.20 – Ci saranno black out programmati per razionare l’energia.

Ore 12.15 – L’agenzia metereologica giapponese annuncia che ci saranno nei prossimi giorni forti scosse, fino al 7 grado della scala Richter, di assestamento e che sono possibili nuovi tsunami.

Ore 11.30 – Il ministro dell’Economia del Giappone riferisce che la barre di combustibile al reattore n.3 di Fukushima hanno subito danni.

Ore 10.00 – L’agenzia metereologica giapponese ha rivisto la magnitudo del terremoto e l’ha classificata a 9 gradi della scala Richter, invece di 8.9 che era stato stimato in precedenza. Uno dei sisma più potenti della storia.

Fonte: la Repubblica

Tags:

Altri Articoli Interessanti: