Le vie del vino in Europa: i luoghi da sogno per un viaggio a settembre

Settembre è il mese in cui si celebra il vino quindi niente di meglio che organizzare una bella gita di fine estate in quelle che sono le vie del vino più belle d’Europa. Scopriamole tutte

I percorsi per le strade del vino si trovano in tutta Europa non solo in zone note come l’Italia, una delle maggiori produttrici al mondo, ma anche in città non molto famose.

Vie del vino Italia
Vie del vino Italia (adobe stock)

Questa è un’occasione importante per scoprire la tradizione antica di territori come la Germania o la Grecia che offrono delle varietà molto interessanti di vino.

Le vie del vino in Europa

Le vie del vino si trovano in tante città differenti, l’ideale è percorrerle con l’auto per poter prendere parte al meglio a tutte le tappe lungo il percorso e avere la possibilità di fermarsi alle varie cantine, fare delle soste per gustare i prodotti ma anche per ammirare i panorami.

Tra le vie in Europa da non perdere ci sono:

  • Italia
  • Portogallo
  • Spagna
  • Grecia
  • Germania
  • Alsazia
  • Francia

Italia

Ovviamente non può mancare la Toscana dove tutto il territorio a settembre è un vero e proprio scenario dedicato alla produzione del vino. Ci sono sagre, la Festa del Vino ma anche spettacoli. Tutte le città e i borghi sono travolti da questo entusiasmo. Non bisogna allontanarsi dall’Italia per trovare proprio il cuore delle vie del vino.

Anche il Veneto è una tappa doverosa con il suo territorio particolarmente favorevole per la produzione di uno dei vini più amati in assoluto, il Valpolicella. Da gustare anche il Soave, l’Amarone, il Bianco di Custoza. In Italia c’è solo l’imbarazzo della scelta ed è possibile proseguire poi verso la strada del Prosecco e del Valdobbiadene. C’è la strada del vino bianco in provincia di Treviso proprio per chi ama questa varietà. Scopri anche tutto il bello della Strada del vino in Alto Adige. 

Portogallo

Immancabile un tour nell’Alentejo in Portogallo dove i produttori di vino si dividono in ben otto regioni differenti. Il settore in Portogallo è molto esteso e in grande espansioni. Ci sono varietà di vini molto differenti e soprattutto la possibilità di gustare cantine di ogni tipo. La Rota do Vinho è strutturata su tre città: Portalegre, Beja ed Evora.

Spagna

Rioja in Spagna è una delle aree più prestigiose d’Europa con una produzione di vini bianchi e rossi che sono famosi a livello internazionale. In particolare i rossi sono molto corposi e vengono bevuti mediamente almeno dopo tre anni ma per alcuni ci vogliono addirittura dieci.

Grecia

Non altrettanto conosciuta e famosa è la via del vino in Grecia e in particolare a Santorini. Settembre è il mese perfetto per coniugare mare e vino, con una scelta veramente stupenda. Qui il terreno di origine vulcanica ha permesso alle cantine di produrre un vino spettacolare e dal gusto intenso. In particolare si produce un bianco molto secco che viene dal villaggio di Akrotiri. I vitigni sono diversi dagli altri perché molto vento e quindi vengono sistemati per resistere e i grappoli non crescono in modo tradizionale ma verso l’interno, formando una sorda di nido.

Germania

La Germania, sicuramente famosa per la produzione di birra, ha la sua Valle della Mosella. Qui il vino veniva prodotto dai tempi dei Romani quindi ha una storia molto articolata. È la regione più antica di tutto il paese dove viene prodotto il vino. Ci sono dei terrazzamenti che permettono di sfruttare al massimo le coltivazioni.

Alsazia

Anche l’Alsazia merita una citazione notevole poiché la Route des Vins è una delle più famose al mondo. Questa strada è molto lunga, si parla di 170 chilometri di territori che da aprile a ottobre sono ricchi di feste e che soprattutto nel periodo della vendemmia offrono un tripudio di colori ai visitatori.

Francia

La prima realtà più interessante è certamente Bordeaux che è molto famosa nel mondo non solo come città ma anche proprio per la sua intensa produzione. In tutta la zona circostante è possibile prendere parte a tour e degustazioni. In particolare da consigliare una visita a Saint Emilion, patrimonio dell’UNESCO, che è letteralmente circondata da viti.

Bordeaux
Bordeaux (Adobe stock)

I percorsi sono totalmente gratuiti quindi possono essere fatti liberamente per poi sostare alle cantine, fare degustazioni, acquisti e vivere delle esperienze veramente suggestive. Molti offrono la possibilità di dormire sul posto e di pranzare e cenare in sede.