Arriva il Super Green Pass: le regole per musei e mostre

Il super green pass regole per i musei. Come funziona e i luoghi dove non è richiesto, le differenze di fascia

musei green pass
Nei musei in zona bianca e gialla si può entrare anche solo con il Green Pass base

Dal 6 dicembre debutta il Super Green Pass, ossia solo chi è vaccinato o è guarito dal Covid negli ultimi 6 mesi potrà accedere a ristoranti, cinema, teatri e altri molti luoghi. Le regole del Super Green Pass si applicano anche in zona bianca, nelle zone gialle e arancioni le restrizioni aumentano, escludendo di fatto i no vax dalle attività sociali.

Ma ci sono alcune attività dove si può ancora accedere con il Green Pass base, ovvero quello rilasciato anche solo con il tampone negativo. Fra queste ci sono i musei e le mostre. Ecco le regole per entrare nei musei e per visitare le mostre.

Green Pass regole per i musei: come funziona

I non vaccinati fuori dai musei? No, con un tampone negativo potranno entrare a visitare mostre e musei. Le regole sull’applicazione del Super Green Pass avevano inizialmente creato un po’ di confusione sulle attività culturali. Sembrava infatti che tutto il comparto, dal teatro ai musei, fosse vietato ai non vaccinati.

Invece per quegli oltre 6 milioni e mezzo di Italiani che non sono vaccinati i musei restano aperti. A patto ovviamente che mostrino il green pass base, ovvero quello che si ottiene con il solo tampone negativo. Questa regola vale sia nelle regioni in fascia bianca sia quelle in fascia gialla. Se la situazione però peggiora e una regione entra in fascia arancione le porte dei musei in quel caso si chiudono per i non vaccinati.

In fascia arancione dunque l’accesso ai musei e alle mostre sarà concesso solo a chi ha il Super Green Pass, ovvero quello che si ottiene con la vaccinazione o dopo guarigione dal Covid. Al momento nessuna regione italiana è a rischio ‘arancione’.

Dove andare per musei e mostre in Italia

Andare a visitare un museo o una mostra è sempre un buon motivo per partire. L’Italia vanta alcuni dei musei più importanti del mondo – gli Uffizi di Firenze sono stati eletti museo migliore al mondo – e in questo periodo ci sono in Italia mostre molto interessanti.

Ogni città ospita musei che meritano una visita più di una volta nella vita: dai Musei Vaticani di Roma dove ammirare la Cappella Sistina, alla Galleria Borghese di Roma con le opere del Canova e del Bernini; al Museo Egizio di Torino con i suoi reperti unici al mondo; al Museo Archeologico di Napoli uno dei più importanti in assoluto; alla Pinacoteca di Brera a Milano con le opere del Mantegna o il Museo del Cenacolo con l’opera di Leonardo. Poi ovviamente gli Uffizi di Firenze e il Museo Nazionale.

Leggi anche -> I musei e parchi archeologici più importanti d’Italia da vedere per un weekend<<

Per non parlare dei parchi archeologici: dal Colosseo al Palatino a Roma, a Ostia Antica, a Pompei, al Parco dei Templi di Agrigento in Sicilia.

E se questi sono i musei e le bellezze d’Italia, ci sono poi le mostre che animano l’autunno e l’inverno 2021/22. A Roma c’è da vedere Klimt, l’artista austriaco autore del celebre Bacio, a Palazzo Braschi a Roma; Mirò, il celebre pittore spagnolo a Parma; le geometrie impossibili di Escher a Genova; Fattori, il maestro del ‘900 italiano a Torino; il re dell’impressionismo Claude Monet al MUDEC di Milano.

Con il green pass base dunque si può andare per mostre e musei – in fascia bianca e gialla.  –

Previous articleSan Ginesio è stato eletto il miglior borgo d’Italia
Next articleGreen pass per bar e ristoranti: quando serve quello rafforzato e come
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.