Per andare alle terme serve il super Green Pass? Le regole di accesso

Come funziona il Green Pass per andare alle terme. Le regole di accesso all’aperto, al chiuso, e quando è possibile andare senza tampone

terme
Le regole per andare alle terme fra green pass e tamponi

L’introduzione del Super Green Pass stringe le maglie delle attività precluse ai non vaccinati. Dal 6 dicembre al 15 gennaio anche nelle regioni in fascia bianca moltissimi luoghi saranno vietati a chi non è in possesso del Super Green Pass, ovvero a chi non è vaccinato o non è guarito dal Covid da meno di 180 giorni.

Ma ci sono alcune attività che sarà ancora possibile svolgerle con il solo Green Pass base, ovvero anche solo con il tampone negativo. Tra queste ci sono le terme. E addirittura in alcuni specifici casi si può andare nei centri termali senza green pass.

Le regole per andare alle terme: quando serve il Green Pass

Specialmente quando arriva il freddo regalarsi una giornata immersi nell’acqua calda e nel benessere delle terme è quando di più bello si possa fare. L’Italia vanta tantissime sorgenti termali sparse da Nord a Sud: da Montecatini a Ischia, da Abano Terme a Saturnia, da Viterbo a Bormio.

L’introduzione del Green Pass rafforzato per contenere la pandemia da Covid 19 riguarda tutte le attività sociali, dunque anche i centri termali. Ma come funziona quali sono le regole per andare alle terme? Serve il green pass rafforzato? Basta il tampone? O addirittura non serve nulla?

Per accedere alle terme è necessario il Green Pass base. Basta dunque il tampone negativo per poter andare nelle piscine, fare i trattamenti estetici, seguire percorsi benessere e quant’altro. Ed ovviamente anche andare negli spogliatoi.

Ma se la situazione epidemiologica peggiora e la regione passa in fascia arancione, allora non basta più il tampone negativo per andare alle terme. Solo in fascia arancione – non in gialla né tantomeno in bianca – per andare alle terme serve essere vaccinati o guariti dal Covid da non più di 180 giorni, ovvero serve il Super Green Pass.

A tutto questo c’è un’eccezione ovvero andare alle terme senza Green Pass, senza nemmeno il tampone. Questa opzione è possibile solo ed esclusivamente se si va alle terme per effettuare una terapia medica. Ovvero il Green Pass non è richiesto se si accede con certificazione medica per cure inalatorie, riabilitazione, fisiokinesiterapia o qualsiasi altro tipo di cura prescritta.

Dove andare alle terme: le terme libere e gratuite

Le regole per andare alle terme si riferiscono ovviamente ai centri termali e benessere, non alle terme libere e gratuite. In inverno andare nelle terme libere all’aperto è un po’ più impegnativo viste le temperature rigide rispetto all’inizio dell’autunno o la primavera.

Ma se non temete il freddo, volete vivere la bellezza di luoghi incontaminati e non volete avere a che fare con green pass regole e quant’altro allora andate nelle terme libere all’aperto.

Fra le più belle terme gratuite e libere d’Italia ci sono quelle dei Bagni San Filippo, in Toscana in Val d’Orcia. Qui l’acqua sgorga a 48 gradi, lo scenario naturale è spettacolare e d’inverno c’è poca gente, soprattutto fuori dal weekend, quindi nessun rischio assembramento.

Meravigliose quelle di Saturnia, sempre in Toscana, in provincia di Grosseto. Le cascate del Mulino sono fra le più famose non solo d’Italia, ma d’Europa. C’è una parte con un lussuoso stabilimento e una parte libera.

terme saturnia
terme saturnia

Andare alle terme con il Green Pass o alle terme libere è un regalo da concedersi in questo lungo inverno 2021/22.

Previous articleMamma ho perso l’aereo, si può dormire nella casa dei McCallister con Airbnb
Next articleLe città con le luminarie di Natale più belle d’Italia: dove andare
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.