Borghi da vedere assolutamente: i 3 posti più incredibili del Lazio

Dove andare nel Lazio. I posti e i borghi più belli da vedere. Tre borghi incredibili 

borghi lazio
Civita di Bagnoregio uno dei borghi più belli e incredibili da vedere nel Lazio

Il Lazio non è solo Roma. Intorno alla Città Eterna ci sono infatti tantissimi luoghi da vedere borghi bellissimi e monumenti naturali che meritano una visita. Che sia una scappata di un giorno o una vacanza. Nel Lazio ci sono posti incredibili da vedere assolutamente che vi lasceranno davvero a bocca aperta. E non si tratta solo del classico borgo arroccato. Si tratta di paesi con cascate all’interno o borghi abbandonati sommersi dalla natura. Luoghi che non troverete da altre parti.

Leggi anche -> Borghi più belli d’Italia dove andare in vacanza << 

Cosa vedere nel Lazio: 3 posti incredibili da vedere

Il Lazio è una regione ricchissima di luoghi da vedere divisa fra mare e monti, con laghi e terme, resti etruschi e romani, borghi medioevali, castelli, palazzi nobiliari e papali. Potete andare a fare un trekking sul Monte Circeo, visitare Greccio paese del primo presepe di San Francesco, andare alle terme dei papi di Viterbo.

C’è il Castello di Bracciano, la necropoli etrusca di Cerveteri, ci sono i borghi sul mare come Sperlonga o il giardino più bello del mondo, ovvero Ninfa in provincia di Latina. Dalla tuscia viterbese ai monti Simbruini avrete giorni fitti di cose da fare e da vedere nel Lazio. Ma se pensate che borghi belli e luoghi naturali bellissimi ci sono ovunque in Italia, nel Lazio ci sono 3 luoghi davvero straordinari.

  • Canale Monterano
  • Civita di Bagnoregio
  • Isola del Liri

Canale Monterano, la città fantasma

canale monterano
Canale Monterano uno dei borghi più incredibili d’Italia

E’ uno dei luoghi più suggestivi che potrete vedere in Italia, in cui la natura ha preso il possesso sull’opera dell’uomo. Canale Monterano si trova vicino a Bracciano a una quarantina di chilometri da Roma ed è un antico borgo abbandonato.

Il luogo era già abitato dall’epoca etrusca, divenne poi assoggettato dai Romani che costruirono l’Acquedotto che ancora si può vedere, divenne sede episcopale, ma solo nel Rinascimento conobbe un po’ di notorietà e importanza.

Passo in mano agli Orsini poi agli Altieri che lo arricchirono di importanti costruzioni a cui mise mano anche Gian Lorenzo Bernini. Fu edificata la Chiesa e il Convento di San Bonaventura con la fontana ottagonale di cui oggi si possono ammirare gli impressionanti ruderi.

Infatti a fine 1700 il paese già provato dalla malaria e dalle difficoltà economiche venne dato alle fiamme dall’esercito francese. I pochi abitanti che erano rimasti scapparono e nessuno fece più ritorno. Canale Monterano divenne così una città fantasma.

Visitare Canale Monterano vuol dire ammirare rovine di monumenti, manufatti etruschi e romani immersi in una natura lussureggiante. Canale Monterano è diventato infatti il luogo in cui riparano numero specie. Gufi, barbagianni e civette nidificano sulle rovine, fra i ruderi passeggiano tassi, istrici e cinghiali.

Isola del Liri, la cascata nel borgo

borghi vedere lazio
Isola del Liri il borgo con la cascata nel centro storico

L’Italia è disseminata di borghi bellissimi – sono oltre 300 quelli censiti fra i borghi più belli d’Italia – e fare una classifica dei più belli è impresa ardua se non impossibile. Ma un posto di rilievo lo deve necessariamente avere Isola del Liri, il paese con la cascata nel centro storico.

In realtà Isola del Liri non è proprio un borgo, visto che conta ben 11 mila abitanti. Ma ciò poco cambia: è uno dei posti da vedere assolutamente. La sua particolarità è che fra le case del centro storico c’è un enorme cascata, alta ben 27 metri! E’ l’unica città in Italia e in Europa con una cascata! Tanto che è nella classifica delle 10 meraviglie naturali da vedere in Italia.

Il paese si trova sul fiume Liri che forma un’isola – da cui il nome – e si biforca. Si creano così due cascate, la Cascata grande e la cascata del Valcatoio. La prima è la più alta e la più scenografica. Accanto si trova il medioevale Castello Boncompagni Viscogliosi con la sua spettacolare torre quattrocentesca. Ci sono poi palazzi nobiliari e chiese rinascimentali da vedere nel centro storico.

Civita di Bagnoregio, la città che muore

borghi del lazio incredibili
Civita di Bagnoregio, uno dei borghi più belli d’Italia

E’ candidata ad essere patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, è già uno dei borghi più belli d’Italia, ma al di là dei riconoscimenti questa città vi lascerà stupefatti. Ci troviamo nella Tuscia viterbese, in una zona fra il Lago di Bolsena e la valle del Tevere definita dei calanchi.

Ed è proprio la particolarità del territorio a rendere unica questa città. Già perché Civita, fondata dagli Etruschi oltre 2500 anni fa, sorge su una collina di argilla e tufo ed è soggetta ad inevitabile erosione. Per questo venne definita dallo scrittore Bonaventura Tecchi la città che muore.

La città, in cui abitano oggi appena 16 persone, è collegata con un lungo ponte pedonale fatto costruire nel 1965. Visitare Civita vuol dire ammirare un borgo medioevale in cui si sovrappongono elementi etruschi a quelli rinascimentali, chiese, palazzi vescovili, in un paesaggio naturale bellissimo.

Non c’è bisogno dunque di andare lontano per vedere dei posti unici al mondo. L’Italia offre tutto e il Lazio ha dei borghi davvero spettacolari.

Previous articlePordenone, la città dipinta per un magico weekend di vacanza
Next articleArrivi dal Regno Unito: abolita la mini quarantena
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.