Paura di volare dopo il Covid: i trucchi utili per viaggi in aereo tranquilli

Riprendono i viaggi in aereo, ma molti hanno paura di volare. Tornano le ansie da volo e il rischio contagio

superare paura di volare
Come superare la paura di volare in aereo: trucchi utili

Dopo un anno e mezzo in cui abbiamo passato tanto, troppo, tempo in casa c’è ora una gran voglia di partire e muoversi. Grazie ai vaccini l’estate 2021, sebbene con lo spettro della variante Delta, permette di tornare a viaggiare. E’ il momento in cui poter tirare un po’ il fiato, di fare la valigia e andare in vacanza. Ma dopo tanto tempo fermi torna anche la paura di volare. Per non farsi fermare dai timori e non vivere il volo nel panico ecco quali sono i trucchi per un volo sereno e un viaggio in libertà (e sicurezza).

Paura di volare dopo il Covid: cosa succede

Ora che c’è la possibilità di muoversi a bloccare è la paura del volo. Possibile? Per qualcuno sì. C’era chi la paura di volare l’aveva già prima del Covid, chi la sperimenta ora per la prima volta e chi si trova a gestire l’ansia da contagio a bordo.

La pandemia ha inevitabilmente scavato nelle paure più profonde e chi più chi meno esce – anche se non è ancora affatto finita – da questo anno e mezzo cambiato. A qualcuno questo periodo avrà modificato il suo universo di timori, a qualcun’altro avrà rafforzato delle paure, a qualcun’altro le ha fatte sparire.

Inoltre tutti abbiamo viaggiato di meno e quest’aspetto per gestire la paura del volo ha il suo peso. Più si utilizza l’aereo infatti, più questo mezzo diventa familiare come un autobus, meno spaventa e meno fa paura. Come fare allora per viaggiare in aereo tranquilli e superare la paura del volo?

Perché si ha paura di volare

La paura di volare è molto comune e la maggior parte di chi sale in aereo saltuariamente non vive serenamente il viaggio. Anche chi si addormenta subito, appena si siede, perfino prima del decollo, mostrando così un’invidiabile serenità, in realtà nasconde un timore. E’ spesso solo un bravo inconsapevole stratega nel gestire l’ansia.

Ognuno ha i suoi motivi personali per avere paura di volare, ma il più delle volte quello che spaventa è il non avere controllo sulla situazione. Viaggiare in aereo vuol dire affidare la propria vita al pilota, che nemmeno vediamo, e a coloro che hanno fatto la manutenzione dell’aereo. E non poter in nessuna maniera intervenire e controllare quello che succede. Bisogna affidarsi.

Eppure questo lo facciamo sempre. Quando prendiamo un autobus o un treno, o una nave, o un ascensore. Ma anche quando mangiamo al ristorante ci fidiamo che il cuoco abbia cucinato bene e che il cibo acquistato dal ristoratore sia fresco. Ci affidiamo.

Perché non farlo in aereo? Una delle risposte è che l’aereo non lo prendiamo con la stessa frequenza con cui prendiamo un autobus; che stare in aria ci toglie anche il più piccolo controllo – sebbene su di un treno a 300 all’ora non c’è comunque controllo; Dunque cosa fare? Ecco i trucchi utili.

paura volare
Panico in aereo? Utilizzate questi trucchi per superare la paura di volare

Come superare la paura di volare: trucchi da utilizzare subito

Se la paura di volare vi blocca totalmente è il caso che prendiate in considerazione un percorso di psicoterapia o partecipiate ai corsi organizzati da diverse compagnie aeree che aiutano proprio a superare la paura del volo. Nel frattempo però potete provare a ricorrere a questi trucchi per superare la paura del volo.

  • L’aereo è il mezzo più sicuro del mondo
  • Conoscere l’aereo
  • Dite all’hostess come vi sentite
  • Osservate il comportamento del personale di volo
  • Portatevi qualcosa da fare durante il volo
  • Chiacchierate con i vicini di posto
  • Se non soffrite di vertigini guardate fuori dal finestrino
  • Bevete qualcosa di rilassante

L’aereo è il mezzo più sicuro del mondo

Un ragionamento razionale su una paura irrazionale può avere all’apparenza poca presa, ma sicuramente contribuisce a distruggere il castello di terrore. Dovete ripetervi che l’aereo è il mezzo più sicuro del mondo, che è molto più probabile morire per il morso di uno squalo che per un incidente aereo. Nemmeno parliamo di quanto sia estremamente più probabile morire in un incidente d’auto. Guidate moto o motorino? Bene, ogni giorno sfiorate la morte allora.

Studiate l’aereo

Prima di partire fate un giro in aeroporto e osservate quante centinaia di aerei partono ogni giorno. E si tratta di un solo aeroporto. Immaginate in tutto il mondo quanti milioni di aerei ci sono in volo. Già questi numeri vi dovrebbero dare un po’ di tranquillità in più. Inoltre cercate di parlare con un hostess o un pilota per chiedere qualche banale informazione sul funzionamento dell’aereo.
Sapere ad esempio che le turbolenze sono normali, così come i vuoti d’aria, vi farà volare più tranquilli. L’aereo vola su una strada nel cielo. E anche in mezzo al cielo ci sono le ‘buche’!

Parlate con l’hostess

Non c’è niente di cui vergognarsi ad avere paura di volare. Quando salite a bordo dite all’hostess che avete paura di volare vi sentirete accolti e protetti. Basterà infatti uno sguardo durante il volo, un ‘stia tranquillo, va tutto bene’ per rilassarvi.

Guardate il personale di bordo

In ogni caso durante il volo guardate il comportamento del personale di bordo e vi sentirete rassicurati. Voi state tremando per la turbolenza? Ecco vedrete hostess e steward magari ridere fra loro e preparare il carrello e in quel momento capirete che evidentemente non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Portatevi un libro da leggere o guardate un film

Stare tutto il tempo ad ascoltare ogni minimo rumore dell’aereo non vi aiuterà a rilassarvi. Dunque leggete un libro, guardate un film o chiacchierate con il vicino di posto, che sia uno sconosciuto o meno non importa, l’importante è distrarsi.

Guardate fuori dal finestrino

Potrebbe sembrare un controsenso, ma invece – a meno che soffriate di vertigini – guardare dal finestrino potrebbe rivelarsi tranquillizzante. Avrete in qualche modo controllo di quello che succede anziché essere chiusi in un tubo metallico lanciato a folle velocità nell’aria. Inoltre la bellezza del panorama potrebbe suscitarvi emozioni positive.

Bevete qualcosa di rilassante

Prima di partire evitate di prendere caffè, the o bibite eccitanti. Sconsigliato anche l’alcool che potrebbe al contrario avere un effetto ansiogeno. Meglio scegliere una tisana rilassante al biancospino o alla melissa ed eventualmente per un maggior effetto rilassante, su parere di un medico, potreste prendere un po’ di valeriana.

Paura di contagio a bordo

Se la vostra paura di prendere l’aereo non riguarda le catastrofi, ma è legata solamente alla paura di contagio il modo migliore per superarle è quello di informarsi su tutte le procedure di sicurezza. Vaccinarsi è indubbiamente il passo più importante per poter viaggiare in aereo tranquilli e senza timori.

Sappiate poi che:

  • gli aerei vengono disinfettati dopo ogni volo
  • il sistema di aereazione ha dei filtri speciali
  • ogni passeggero per volare all’estero deve avere un tampone negativo o aver fatto il vaccino (è in vigore il Green Pass in Europa)
  • è obbligatoria la mascherina per tutto il tempo del volo

Le precauzioni che potete prendere voi sono:

  • Viaggiate in business class così da avere sedili più ampi (e maggior distanza dagli altri passeggeri)
  • Portate con voi un disinfettante
  • indossate mascherine FFP2
  • Cambiatevi i vestiti una volta giunti a destinazione
  • Indossate degli occhiali da vista o da sole
paura volare
Il Covid ha aumentato la paura di volare

Viaggiare in aereo è un’esperienza bellissima e vale la pena superare le paure per godere del viaggio in tranquillità.

Previous articleEmma Marrone paura in aereo: la cantante in pieno panico
Next articleTemptation Island 2021 dove si svolge e le coppie in gara
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.