Viaggiare da soli: i consigli, i trucchi e i segreti per un viaggio perfetto

Viaggiare da soli: i consigli pratici, gli step da fare, tutto quello a cui dovete pensare. Una vera e propria scaletta di viaggio per un’esperienza unica

viaggiare da soli scaletta (pixabay)
Viaggiare da soli: la scaletta perfetta per un viaggio indimenticabile (pixabay)

Il pensiero di viaggiare da soli può spaventare ed affascinare allo stesso tempo, non preoccupatevi, abbiamo dei consigli da darvi, una lista di step da seguire, tutti i trucchi e segreti, insomma una scaletta perfetta per un’esperienza unica ed inimitabile.

Il viaggio in solitaria è un’esperienza indimenticabile, ma soprattutto una volta che si inizia a viaggiare da soli non si può più smettere. Ci sono tante domande e tanti miti da sfatare.

Innanzitutto non bisogna aver paura che essere da soli è un limite, non lo è. Viaggiare in solitaria è un’esperienza che cambia per sempre la vita di un individuo. Ma è opportuno seguire dei consigli, conoscere dei trucchi per evitare brutte sorprese. Ecco la lista delle cose da sapere e delle accortezze da prendere per un viaggio fantastico.

Viaggiare da soli: consigli per un viaggio perfetto

Il primo viaggio in solitaria potrebbe spaventare o addirittura terrorizzare. Questo articolo vi farà da guida per creare una lista perfetta e farvi un’idea di cosa sia viaggiare da soli.

L’importante è fare sempre quello che si desidera senza strafare. Se avete molta paura del viaggio in solitaria, all’inizio sarebbe bene prendere alcune accortezze. Per esempio potrete viaggiare in solitaria, ma scegliere una meta che già conoscete. Oppure una meta in cui si ha qualcuno, come un amico o un familiare, che ci attende, non sarà un viaggio in solitaria al 100%, ma per iniziare è sempre bene fare un passetto alla volta.

Se vi spaventa il fatto di non poter condividere serate o eventi con i vostri amici, ricordate che quando si viaggia da soli non si è mai da soli in realtà. In viaggio, infatti, farete amicizia con persone che condividono la vostra idea di viaggio e che potrebbero diventare grandi amici nella vita di tutti i giorni.

  • Definire il periodo
  • Quanto voglio spendere?
  • Dove voglio andare?
  • Alloggio
  • Fare ricerche e studiare la meta
  • Pianificare il viaggio
  • Preparare il bagaglio
  • Documenti e contatti utili

Vi potrebbe anche interessare>>> Viaggi all’estero 2021 

Definire il periodo: stagione e tempo di permanenza

E’ molto importante partire dalle basi. Quando partire? Per quanto tempo? Il lato positivo è che potrete scegliere il periodo più adatto a voi prendendo in considerazione le vostre ferie e il periodo dell’anno che più vi piace. Il lato negativo è che potreste avere un po’ di confusione all’inizio. Partite dalle cose principali:

  • Scegliete la stagione che preferite
  • Tenete conto delle festività della destinazione che vi interessa
  • Ricordate di valutare anche i tempi di spostamento (ore di viaggio)

Dipende solo da voi: non avrete qualcuno con cui far combaciare le ferie e potrete decidere in base al vostro ritmo: lento, normale o sostenuto.

Qual è il budget?

E’ importante definire il budget. Ovviamente siete da soli, ciò significa che non potete dividere alloggio, la macchina e/o le escursioni con qualcun altro. Il consiglio è quello di valutare le vostre possibilità, essere onesti con voi stessi e scegliere una meta anche in base a questo.

Non scoraggiatevi se il vostro budget non è particolarmente alto, ricordate che ci sono molte mete che sicuramente faranno al caso vostro (Portogallo, Spagna, Grecia, Romania, Bulgaria, ecc.)

Dove andare in viaggio da soli: scegliere la meta

La scelta della meta (pixabay) viaggiare da soli scaletta
La scelta della meta (pixabay)

Il terzo punto vi porterà a rispondere ad un’altra domanda fondamentale, dove voglio andare? E’ probabilmente la domanda più importante del vostro viaggio. E’ legata indiscutibilmente alle vostre possibilità e quindi al vostro budget, ma anche alla vostra esperienza come viaggiatori.

Se siete timorosi, è meglio puntare su una meta che già conoscete, non partite da destinazioni che potrebbero crearvi qualche crisi di nervi.

Come primo viaggio in solitaria in assoluto, si consiglia di evitare destinazioni difficili da gestire o molto distanti rispetto all’Europa. Thailandia, Hawaii e New York sono mete sicure, ma difficili da gestire per un viaggiatore in solitaria alle prime armi.

Tendenzialmente una meta in Europa per viaggiare da soli potrebbe essere l’ideale per un viaggiatore poco esperto. L’importante è scegliere una meta che vi piace, sicura e che rientra perfettamente nel vostro budget.

Alloggio: hotel o ostello?

Una volta scelto il periodo, consolidato il budget e deciso la destinazione è il momento di prenotare l’alloggio e il mezzo di trasporto. Ci sono alcuni elementi fondamentali da prendere in considerazione.

L’alloggio sarà la tua dimora per qualche giorno o magari diverse settimane, è importante sceglierlo bene. E’ fondamentale la posizione della struttura. Tendenzialmente è sempre bene scegliere un alloggio situato al centro della città e magari su una strada principale. Evitate strutture lontane per risparmiare pochi euro perché gli stessi spicci, se non di più, li rispendereste per i mezzi di trasporto e soprattutto le zone periferiche sono meno sicure rispetto a quelle centrali.

Altro punto importante è sicuramente il budget. Non vi fermate alla prima struttura che incontrate su booking, la ricerca dev’essere fatta bene e minuziosamente. Se volete spendere poco e fare amicizia, la soluzione ideale è quella di prenotare un ostello in centro. Gli ostelli sono posizionati quasi sempre al centro della città e danno anche la possibilità di scegliere se alloggiare in camere miste, solo maschili o solo femminili.

Fare ricerche e studiare la destinazione

E’ il momento di studiare, studiare e studiare. E’ importante conoscere la destinazione, soprattutto se si ha un po’ paura. Studiare la cultura del posto, le attrazioni turistiche, i mezzi di trasporto, la geografia, la storia e i locali in cui vorrete trattenervi in quei giorni, vi farà acquisire un senso di fiducia in voi stessi.

Se non parlate la lingua del posto che andrete a visitare, acquistate un libricino per turisti con tutte le frasi utili. Abbiate fiducia in voi stessi e ricordate che l’inglese si parla in tutto il mondo.

Planning: ottimizzare i tempi

Come ottimizzare i tempi, il planning (pixabay) viaggiare da soli scaletta
Come ottimizzare i tempi, il planning (pixabay)

Subito dopo aver studiato la meta, si consiglia di pianificare il viaggio con una lista vera e propria delle cose da fare in viaggio. Non è obbligatorio, ma potrebbe essere un buon modo per ottimizzare i tempi e godersi la vacanza al massimo.

Per esempio, potreste organizzare il viaggio in base a ciò che volete visitare, segnare dei numeri di telefono che potrebbero tornare utili, prenotare le visite ai musei online per evitare lunghe file ed interminabili ore di attesa, scaricare la mappa della metropolitana, ecc.

Ricordate che è la vostra vacanza, se questo punto della scaletta vi stressa e siete un viaggiatore che preferisce vivere l’esperienza di viaggio così come viene, questo punto lo potete tranquillamente saltare.

Preparare la valigia

Preparare la valigia (pixabay) viaggiare da soli scaletta
Preparare la valigia (pixabay)

Questo punto è cruciale. Ricordate che viaggiate da soli e che quindi il bagaglio lo trasporterete voi e non avrete nessuno su cui fare affidamento. Il consiglio è di non mettere in valigia cose inutili.

In base ai giorni e alla stagione portate il giusto indispensabile. Pochi vestiti, biancheria intima per tutti i giorni di permanenza, beauty case con trucchi e oggetti essenziali, medicinali, carica batterie, spazzolino e dentifricio, pigiama e ciabattine.

Se la vostra scelta dell’alloggio è ricaduta sull’ostello, ricordate di portare anche bagnoschiuma (se viaggiate in aereo non più 100 ml per contenitore nel bagaglio mano)

Documenti e contatti utili

Prima di uscire da casa, fate un controllo dei documenti utili da portare con voi. E’ consigliabile avere sempre con sé una fotocopia del passaporto o della carta di identità. I mezzi di trasporto prenotati, la prenotazione dell’albergo e dei vari musei potrete tranquillamente averli sul telefono.

Per ultimo, registratevi sul sito della Farnesina, dove siamo nel mondo, in caso di emergenza la Farnesina sarà sempre al corrente. Appuntatevi, inoltre, i numeri di telefono in caso di emergenza: forze dell’ordine, taxi. Infine scegliete un familiare o un amico stretto e comunicategli sempre gli spostamenti che fate, questo farà stare più tranquilli voi e i vostri cari.