Roma, modella precipitata dalla finestra: si indaga per omicidio

Roma, una modella è precipitata dalla finestra ed morta sul colpo. Le indagini proseguono. Al momento  è giallo sulla vicenda. 

La vittima si chiamava Clara Hyun Lee e lavorava come modella. La 31enne era appena atterrata nella capitale e alloggiava in un B&b in via Merulana.

In base alle prime ricostruzioni la donna sarebbe precipitata dal sesto piano dell’edificio per poi schiantarsi rovinosamente a terra. Ad oggi gli agenti continuano ad indagare. Scopriamo maggiori dettagli.

Roma, modella precipita dalla finestra: è giallo sulla vicenda

L’incidente è avvenuta tra la notte di sabato e la domenica. Un fatto che ha lasciato tutti sconvolti e che non ha ancora trovato spiegazione. La modella statunitense sarebbe precipitata dalla finestre, ma si continua ad indagare sulle circostanze.

Leggi anche -> Striscia la notizia, accuse di razzismo: Gerry Scotti e Michelle nella bufera

Il suo corpo è stato ritrovato privo di vita nel cortile interno del palazzo. La donna aveva indosso gli abiti e poco distante da lei sono stati rinvenuti un maglione e una sciarpa. Gli inquirenti hanno raccolto anche delle testimonianze riguardo l’accaduto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

“Abbiamo udito prima il rumore come di un oggetto che batteva violentemente su qualcosa di metallico, poi di un tonfo sordo“, ha raccontato un inquilino che ha continuato dicendo: “Quando ci siamo affacciati abbiamo visto quella poveretta a terra, con le braccia e le gambe ben distese accanto al corpo, come ricomposte”.

Leggi anche -> Moriva 41 anni fa Gianni Rodari: perché viene studiato a scuola ancora oggi

Tempestivo l’intervento degli agenti della polizia scientifica e della Squadra Mobile. E’ stato effettuato un sopralluogo nella stanza della vittima e al momento la pista sembra escludere l’ipotesi di suicidio. Nella stanza non è stato rinvenuto nessun messaggio ed era tutti in ordine. A insospettire gli adenti la presenza di una bottiglia di vino e di due bicchieri.

Ecco perché sono partite le indagini per verifica se ci fosse o meno un’altra persona nella stanza. E’ un caso che vede gli sforzi congiunti degli investigatori del commissariato di Trevi e dell’ambasciata statunitense. A breve verrà eseguita l’autopsia sul corpo della donna.