Roberta Ragusa, brutte notizie per il marito: la decisione della Corte Ue

La Corte Europea per i Diritti dell’Uomo ha respinto il ricorso di Antonio Logli, marito di Roberta Ragusa, condannato per il suo omicidio.

Roberta Ragusa figli

La Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha respinto il ricorso presentato da Antonio Logli contro la condanna definitiva a vent’anni di carcere con l’accusa di avere ucciso la moglie Roberta Ragusa e di aver poi fatto sparire il cadavere. I legali di Logli ipotizzavano la violazione del diritto di difesa ritenendo che non fossero state presi in considerazione gli elementi a discolpa riguardanti alcuni presunti avvistamenti della donna dopo la sua scomparsa, ma i giudici Ue hanno concluso diversamente.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’ultimo capitolo del caso Roberta Ragusa

La notizia è stata subito rilanciata sul profilo Instagram di Chi l’ha visto, dove si legge: “Roberta Ragusa: La Corte Europea per i Diritti dell’Uomo ha respinto il ricorso del marito Antonio Logli. Per i giudici i processi che lo hanno condannato in via definitiva a 20 anni non hanno violato il suo diritto a una giusta difesa. Dove e come è stato fatto sparire il corpo?”.

Leggi anche –> Roberta Ragusa, spunta fuori un diario segreto: tutte le rivelazioni

“In qualità di consulente di Antonio Logli, insieme al legale avvocato Laura Razetto – scrive la criminologa Anna Vagli in una nota – siamo molto rammaricati di apprendere dalla stampa questa notizia. Tuttavia all’epoca dei fatti, prospettai al mio assistito tale possibile sviluppo. Erano infatti sorti dubbi circa il rispetto dei termini e dei requisiti formali e sostanziali richiesti per la ricevibilità del ricorso depositato dal precedente legale. Così Logli decise, in accordo con la sua famiglia, di revocare l’incarico a quest’ultimo. Adesso con l’avvocato Razetto chiederemo che ci venga inviata tutta la documentazione e la sentenza della Corte. Verificheremo così se il ricorso è stato dichiarato inammissibile per mancato rispetto dei crismi anzidetti senza entrare nel merito”.

Leggi anche –> Il 13 gennaio 2012 spariva nel nulla Roberta Ragusa: che fine ha fatto il corpo 

Antonio Logli è stato condannato a vent’anni di carcere per l’omicidio della moglie Roberta Ragusa, uccisa il 13 gennaio 2012, il cui corpo non è mai stato ritrovato. Logli è stato ritenuto colpevole di omicidio e occultamento di cadavere. Ora i suoi legali potrebbero optare per la strada della revisione del procedimento penale, qualora emergano nuove prove della sua innocenza.

roberta ragusa antonio logli