Jake La Furia, chi è il papà: Gianpietro Vigorelli, noto direttore artistico pubblicitario

Gianpietro Vigorelli è una delle figure di riferimento dell’advertising italiano degli ultimi decenni. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Gianpietro Vigorelli è uno dei pubblicitari e art director italiani più famosi, non solo nel nostro paese ma anche all’estero. Conosciamolo più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Gianpietro Vigorelli

Gianpietro Vigorelli è nato a Milano nel 1951. Dopo gli studi artistici e significative esperienze nella Milano sessantottina, è entrato come art director nel dorato mondo della pubblicità. Nel 1987 è diventato Direttore creativo in Saatchi & Saatchi Advertising, dove nel 1992 ha realizzato una serie di spot per Coop con la regia di Woody Allen. Nel 1994 è passato in Young & Rubicam, dove ha realizzato spot per Barilla con registi come John Landis.

Leggi anche –> Jake La Furia, chi è: età, carriera, social, vita privata e curiosità sul rapper

Negli anni ’90 Gianpietro Vigorelli ha fondato con altri due soci e amici di lunga data, Maurizio D’Adda e Riccardo Lorenzini, un’agenzia in proprio. E’ nata così la collaborazione con brand internazionali per i quali ha realizzato spot con la regia di autori come Woody Allen, John Landis e Spike Lee. Nel 1997, insieme a D’Adda, è stato co-autore dell’edizione 1997 del Festival di Sanremo.

Nel 2000 Gianpietro Vigorelli è stato nominato Vice Presidente e Direttore creativo di D’Adda, Lorenzini, Vigorelli, BBDO, originata dalla fusione dell’agenzia con BBDO Italy. Come regista ha realizzato campagne pubblicitarie per Danone, Philips, Pirelli, Renault, Motta, Pupa, ancora Barilla e Tè Ati. Nel 2010 ha lasciato la presidenza di BBDO per occuparsi come consulente della promozione di su scala globale.

Leggi anche –> Stasera in tv, Name that tune: anticipazioni ed ospiti del 14 aprile 2021

Per il resto, Gianpietro Vigorelli è sposato e ha un figlio, il noto rapper Jake La Furia dei Club Dogo, e due magnifici nipoti. Forte dell’esperienza maturata durante la sua lunga carriera, ha deciso di dedicarsi alla scrittura creativa pubblicando con Piemme il suo romanzo d’esordio, Ferro.