Jake La Furia, chi è: età, carriera, social, vita privata e curiosità sul rapper

Jake La Furia è una vera e propria istituzione del rap italiano. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Jake La Furia è un noto rapper italiano, membro dei Club Dogo. Stasera sarà ospite del game show musicale Name that tune condotto da Enrico Papi in prima serata su TV8. Conosciamolo più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Jake La Furia

Jake La Furia, all’anagrafe Francesco Vigorelli, è nato a Milano nel 1979. Figlio di Giampietro Vigorelli, noto direttore artistico pubblicitario dell’agenzia D’Adda Lorenzini Vigorelli BBDO, ha fatto la sua prima esperienza musicale con l’hip hop attraverso il writing. Il suo primo nickname era Fame. Poco più tardi è approdato all’MCing (una delle discipline dell’hip hop), divenendo uno degli MC più noti della zona milanese.

Leggi anche –> Boomdabash, cosa facevano prima di diventare famosi: la loro storia

Insieme ai compagni Gué Pequeno e Dargen D’Amico, Jake La Furia ha formato i Sacre Scuole mentre prendeva parte ad album e mixtape di artisti noti. Nel 1999 il gruppo ha pubblicato il primo disco, 3 MC’s al cubo, con produttore esecutivo Chief. Nel 2001 gli scontri tra lui e D’Amico hanno portato allo scioglimento del gruppo: Jake e Gué Pequeno hanno formato assieme a Don Joe il Club Dogo mentre D’Amico ha intrapreso un percorso da solista. Tuttavia i due si sono poi riappacificati e D’Amico ha collaborato a una traccia del primo disco dei Club Dogo.

Leggi anche –> Fedez chi è: età, carriera e vita privata del rapper marito della Ferragni

Nel nuovo gruppo, Vigorelli ha cambiato il nickname Fame in Jake La Furia, in tributo al personaggio Jake the Muss (Jake “La Furia”) del film Once Were Warriors – Una volta erano guerrieri. Il primo disco del gruppo ha preso il nome Mi fist ed è uscito nel 2003. L’album è stato premiato come miglior disco rap all’MC Giaime del 2004. Nel 2006 è uscito il secondo album, Penna capitale, e nel 2007 il terzo, Vile denaro, il primo sotto una major, la EMI.

Dopo quell’album il talento del gruppo è stato riconosciuto anche da altre major come la Universal, con cui esce Dogocrazia, che contiene molte collaborazioni con altri artisti della scena hip hop italiana e statunitense (Kool G Rap e il gruppo Infamous Mobb). Nel 2010 il quinto album, Che bello essere noi, debutta alla seconda posizione della classifica italiana. Il sesto album, Noi siamo il club, è uscito nel 2012, anticipato dal singolo Cattivi esempi. Il gruppo ha poi collaborato all’album Hanno ucciso l’Uomo Ragno 2012 di Max Pezzali cantando nella traccia Con un deca. Nel 2014 è uscito il settimo album in studio Non siamo più quelli di Mi fist.

Nel 2012 il rapper ha iniziato anche una carriera da solista che l’ha portato a rilasciare l’album Musica commerciale, premiato col disco d’oro. Il secondo album da solista in studio, Fuori da qui, è stato promosso dal singolo omonimo inciso in duetto con Luca Carboni. Nel 2017 Jake La Furia ha iniziato a condurre il programma Jake Hit Up, trasmesso su Radio 105. Tra le successive collaborazioni ricordiamo quelle ai singoli Barracuda dei Boomdabash e Amore Zen de Le Vibrazioni. Senza dimenticare il tormentone estivo Bandita, il singolo Soldi dall’inferno di Big Fish, l’album 17 in collaborazione con Emis Killa e promosso dal singolo Malandrino.

Last but not least, Jake La Furia si è cimentato anche nella conduzione televisiva: nel 2013 con Max Pezzali e Paola Iezzi è stato al timone di Nord sud ovest est – Tormentoni on the road. E nel 2017 ha condotto altri due programmi: Carpool Karaoke su Italia1 e su Sky1 StraFactor il post-serata di XFactor con Elio e Drusilla Foer.

Quanto alla vita privata, Jake La Furia tende a proteggerla dai riflettori del gossip ma sappiamo che il 21 maggio 2017 si è sposato con la sua storica “fidanzatina” e che i due hanno avuto anche un figlio, di cui però non si conosce il nome né la data di nascita.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jake la Furia (@thereallafuria)