Comandante Marcos, chi è: tutto sullo 007 che trova le ragazze scomparse

Achille Lauri, alias il Comandante Marcos, è impegnato a recuperare e restituire ai genitori le ragazze che scompaiono nel nulla. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Si fa chiamare Comandante Marcos, forse perché si ispira al subcomandante che guida l’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale nel Chiapas, in Messico. Achille Lauri, però, è impegnato in tutt’altra missione: recuperare le ragazze scomparse e restituirle ai loro cari. Conosciamolo più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit del Comandante Marcos

Quella del Comandante Marcos è una figura misteriosa quanto interessante. Achille Lauri è
stato intervistato dall’inviato di Chi l’ha visto, Giuseppe Pizzo, cui ha raccontato di essere
impegnato a recuperare e restituire ai genitori le ragazze che scompaiono nel nulla. Dal suo oscuro passato trapela solo che ha lavorato per i servizi segreti. 73 anni, originario
Gennaro Vesuviano, avrebbe stretto in particolare legami con l’organizzazione camorristica della Nuova Famiglia.

Leggi anche –> Stasera in tv – Chi l’ha Visto?: scomparsi e anticipazioni, oggi 14 Aprile

Il Comandante Marcos avrebbe aiutato a ritrovare due ragazze del Lazio, entrambe ospitate in una comunità e scomparse nel nulla. Reina, 16 anni, era sparita il 10 marzo. A 13 giorni dalla sparizione, con le ricerche che non davano alcun risultato, la madre ha ricevuto via social un video-messaggio nel quale la ragazza le diceva di stare “benissimo” e di essere scappata “dopo i continui abusi”. E ancora: “Tu non mi cercare, sarò io a farmi viva quando il giudice avrà deciso che posso tornare a vivere con te”. La donna ha poi raccontato che Marcos farebbe “parte di una squadra internazionale”.

Leggi anche –> Ragazza scomparsa, rapita nel 2019 ora manda un messaggio di aiuto

“Una ragazzina mi ha contattato sui social chiedendo aiuto – ha poi raccontato lo stesso Lauri al giornalista di Chi l’ha visto? -. Le ho detto che per aiutarla dovevamo metterci in contatto e a quel punto lei mi ha addirittura telefonato. Inizialmente aveva vergogna ma l’ho convinta ad aprirsi. Ho aiutato centinaia di ragazzi e posso aiutare anche te. Posso dire che la ragazza in questione è in buone mani, me lo ha assicurato lei. Non so dov’è”.