Massimo Bochicchio, chi è l’uomo che ha truffato Antonio Conte per milioni

Nel giro di truffe di Massimo Bochicchio ci sono finite davvero le persone più disparate, anche nomi illustri come quello di Antonio Conte 

antonio conte truffato da massimo bochicchio

Ultimamente non si fa che parlare di Massimo Bochicchio, l’uomo che è stato in grado di truffare tantissimi personaggi illustri, sottraendo loro una cifra pari a 600 milioni di euro. Queste persone, che si sentivano alla stregua dei mecenati, sono caduti nel tranello grazie alla promessa di un rendimento del 10%, usato come specchio per le allodole. Tra i vari vip che sono caduti in questa trappola fanno sicuramente scalpore Antonio Conte, allenatore dell’Inter che ha perso 24 milioni di euro, l’ambasciatore italiano in Gran Bretagna Raffaele Trombetta e diversi imprenditori romani legati al Circolo Aniene del presidente Coni Giovanni Malagò.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Alex Baroni, la tragica morte il 13 aprile 2002: cosa avvenne

Massimo Bochicchio ha tirato in mezzo anche Samir Assaf

Massimo Bochicchio, da un mese stanziato a Dubai per evitare gli arresti da parte dei magistrati di Milano, pensava di aver fatto un lavoro coi controfiocchi. L’uomo aveva imparato tutto sulla truffa dal finanziere Gianfranco Lande, condannato nel 2015 per aver truffato gente del mondo dello spettacolo per 160 milioni di euro. Per questo sapeva bene che, affinché il suo piano riuscisse, aveva bisogno di dare qualche garanzia. E quale modo migliore che tirare in ballo la seconda banca più grande al mondo (Hsbc) e il suo manager Samir Assaf? Per chi non lo conoscesse, Assaf è il terzo uomo più influente della Hsbc e candidato alla direzione della Banca centrale del Libano.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Tragedia a Isernia: infermiere si schianta con l’auto di ritorno dal lavoro

Bochicchio ha lavorato per Hsbc tra il 2008 e il 2010, prima di essere allontanato. I dettagli sul come sia avvenuta la rottura non erano generalmente noti ai clienti, cui Bochicchio faceva credere con documenti fasulli che il suo fondo Kidman fosse legato in qualche modo alla Hsbc. “Diceva che l’esistenza del veicolo era avallata dal numero 3 mondiale, Samir Assaf. Per giustificare questo ho personalmente visto mail e messaggi che si scambiava con Samir“. Ma quale sia l’effettivo collegamento tra Bochicchio e Assaf, al momento non è dato saperlo.

Samir Assaf truffa Bochicchio