Márton Fucsovics, chi è l’avversario di Sonego a Montecarlo: la sua storia

Lui è Márton Fucsovics ed in Ungheria, la sua patria, è considerato alla stregua di un eroe nazionale. Qual è il suo percorso fino ad oggi.

Márton Fucsovics
Márton Fucsovics
FOTO Getty Images

Márton Fucsovics, al torneo ATP Masters di Monte Carlo 2021, sfida il nostro Lorenzo Sonego. Lui è un tennista di nazionalità ungherese, nato l’8 febbraio 1992. La passione per questo sport nacque già nel ’97, parallelamente a quella per il basket.

Leggi anche –> Albert Ramos-Viñolas, chi è l’avversario di Sinner a Montecarlo: la sua storia

Lui del resto è dotato di un fisico notevole, dall’alto del suo metro e 88 cm. A marzo 2021 Fucsovics occupa la posizione numero 46 nella classifica ATP mondiale, con il suo miglior risultato che lo vide arrivare in trentunesima posizione, a marzo 2019.

Si era fatto notare nelle categorie junories dove vinse il torneo di Wimbledon nel 2010 – senza mai perdere un set – e raggiunse la semifinale degli Australian Open pochi mesi prima. Il tennista magiaro è professionista dal 2018 e fino ad oggi il percorso compiuto non può essere giudicato eccezionale.

Leggi anche –> Atp Montecarlo, Fognini contro Kecmanovic: dove vederla in streaming e in tv

Fucsovics, quando gioca in Coppa Davis si esalta

Anche se aveva raggiunto gli ottavi di finale degli Australian Open 2018, cosa che non riusciva ad un ungherese sin dal 1984. La prima vittoria in qualità di professionista è avvenuta a maggio 2018, quando Márton Fucsovics si impose al Geneva Open, sulla terra battuta svizzera, quando sconfisse nettamente il tedesco Peter Gojowczyk.

Leggi anche –> Atp Montecarlo, tutti gli italiani in campo oggi dopo i rinvii per pioggia: orari e partite

Fino ad oggi ha douto fare i conti con diversi infortuni. Ciò nonostante, conta anche una ottima sperienza in Coppa Davis con una quarantina di incontri giocati fino ad aprile 2021. Di questi, l’ungherese ne ha vinti i due terzi.

È soprannominato ‘Marci’ ed in patria gode di ottima visibilità proprio grazie a quanto fatto con la sua nazionale in Coppa Davis. Difatti è grazie a lui se, nel 2017, l’Ungheria era ritornata nel World Group a 21 anni di distanza dalla sua ultima apparizione.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Per sua stessa ammissione, rappresentare i colori e la bandiera del Paese natale riesce a conferirgli una carica in più. Ora c’è Sonego in campo a frapporsi ai suoi sogni di gloria.

FOTO Getty Images