Ufo, foto scattate dalla Marina militare: il Pentagono conferma tutto, sono vere

Nel 2019 i militari statunitensi della marina hanno avvistato diversi UFO volare sopra le proprie imbarcazioni. Presto le fotografie dovranno essere pubblicate.

Il Pentagono ha confermato la veridicità di una serie di immagini e video che mostrano oggetti volanti non identificati (UFO) volare sopra le navi da guerra della Marina al largo della costa della California. Diversi cacciatorpediniere della marina statunitense hanno iniziato a notare strane luci: la USS John Finn ha segnalato l’attività degli UAV e ha notato una “luce rossa lampeggiante” alle 22.03, secondo il suo giornale di bordo. Poco più di un’ora dopo, alle 23.23, la USS Rafael Peralta ha individuato una luce bianca che si librava sopra il ponte di volo. Il drone è rimasto in bilico sopra la piattaforma di atterraggio per elicotteri del cacciatorpediniere, mentre viaggiava a una velocità di 16 nodi e in condizioni di scarsa visibilità. L’incontro di quasi 90 minuti è ben oltre la capacità dei droni disponibili in commercio. Le fotografie sono state scattate nel 2019 dal personale, e sono trapelate da un’indagine del Pentagono sugli UFO condotta dalla UAP Task Force.

UFO in volo sopra gli Stati Uniti, presto le foto verranno pubblicate

Le immagini, che sono state ottenute dal regista Jeremy Corbell, mostrano oggetti non identificati che volano sopra quattro cacciatorpediniere degli Stati Uniti, nel 2019. Una delle immagini mostra un oggetto a forma di piramide, mentre altri sembrano più droni o palloni; la Marina li ha elencati tutti come “sconosciuti”. Un portavoce del Pentagono ha detto a Mystery Wire di “poter confermare che le foto e i video citati sono stati ripresi dal personale della Marina”. La conferma arriva una settimana dopo che l’ammiraglio Michael Gilday, il capo delle operazioni navali, ha ammesso di non avere idea di dove abbia avuto origine lo sciame di misteriosi droni “che hanno minacciato quattro cacciatorpediniere statunitensi nel luglio 2019”. Alla domanda diretta se la Marina avesse confermato l’identità dei droni durante un evento mediatico lunedì scorso, Gilday ha risposto: “No, non l’abbiamo fatto”. Gilday sembra escludere la teoria secondo la quale i droni potrebbero provenire da un programma militare segreto degli Stati Uniti, e questo ha portato alla crescente speculazione sul fatto che siano stati costruiti da una potenza militare rivale o da “qualcos’altro oltre la nostra comprensione”. 

Potrebbe interessarti leggere anche —> UFO avvistato su Google Maps: di che cosa si tratta – FOTO

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

L’avvistamento ha inquietanti similitudini con precedenti incontri UFO, in particolare un famigerato incidente del 2004, quando sei piloti di Super Hornet hanno avuto contatto visivo con un velivolo misterioso. Decine di avvistamenti simili, inoltre, sono stati segnalati a partire dagli anni ’60. I legislatori hanno chiesto al Pentagono di rendere pubblici i documenti sugli incontri, citando preoccupazioni di sicurezza nazionale. A gennaio il Congresso ha fissato la scadenza del 1 giugno per le agenzie di intelligence degli Stati Uniti e il Dipartimento della Difesa: entro quella data dovranno pubblicare tutti i reportage fatti sugli UFO e i fenomeni aerei non identificati.