Ferrero, arrivano i gelati Rocher e ghiaccioli Estathè

Il gruppo Ferrero cresce e lancia sul mercato internazionale i gelati Rocher e i ghiaccioli Estathè: le previsioni anticipano che andranno a ruba. 

I primi test sui gelati della Ferrero Rocher vennero fatti nel lontano 2001 dal fondatore Michele Ferrero. Da allora, la pasticceria di Alba è diventata una multinazionale da oltre 12 miliari di euro e non ha mai smesso di fare dei test sui gelati.

I gelati che la Ferrero Rocher sta testando da quasi vent’anni verranno lanciati ora sul mercato italiano, a partire dagli “stecchi“, composti da una pralina dal sapore classico, già conosciuto e amato da moltissimi. Il Ferrero Rocher è il primo prodotto iconico scelto dall’azienda originaria di Alba per entrare in maniera diretta nel mercato dei gelati confezionati, un settore dal valore di 2 miliari di euro. In passato la Kinder aveva messo in mercato dei gelati prodotti da Unilever, con cui la Ferrero aveva siglato un accordo triennale che, però, non soddisfaceva appieno i requisiti dell’azienda.

LEGGI ANCHE -> Nutella, incendio nella fabbrica Ferrero più grande al mondo

LEGGI ANCHE -> Ferrero premia i propri dipendenti: ecco il “premio Nutella”

Ferrero, preso in arrivo anche coni e coppette: i gelati andranno a ruba

Dopo l’acquisizione con la Ice cream factory di Valencia, la Ferrero debutta sul mercato europeo con gli “stecchi” e i ghiaccioli. I primi saranno disponibili in tre ricette, Ferrero Rocher Classic, Ferrero Rocher Dark e Raffaello, mentre i ghiaccioli verranno prodotti dalla Estathè Ice nelle versione di limone e pesca. Gli “stecchi” debutteranno nel mercato europeo, mentre i ghiaccioli della Estathè saranno un’esclusiva italiana.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

La diffusione in tutta Italia arriverà a conclusione nel mese di maggio, ma è solo l’inizio. L’intenzione della multinazionale è quella di produrre un’offerta di 20-25 prodotti, inclusi i classici coni e vaschette, nell’arco di pochi anni. Questa strategia di crescita è stata portata avanti da Giovanni Ferraro, figlio del fondatore e presidente esecutivo che, negli ultimi anni, ha spinto per l’internazionalizzazione. Nel 2020 il gruppo Ferrero, con 105 società a livello mondiale e 31 stabilimenti produttivi, è cresciuto esponenzialmente nel mercato internazionale, trainato da brand iconici come Nutella, che ha lanciato l’iconico prodotto dei Nutella Biscuits.