Rosaria Cannavò, perché è finito il matrimonio con Andrea Berti: la verità

Rosaria Cannavò e Andrea Berti si sono sposati in Sicilia il 20 giugno 2015. Tutto sembrava andare bene… allora perchè finita?

Nel 2015 Rosaria Cannavò (ex ballerina ed ora regina dei social da ben 168.7k followers) aveva attirato l’attenzione del pubblico con il suo ritorno di fiamma. Dopo essere scomparsa dalla televisione, lasciando il pubblico a domandarsi cosa potesse essere successo, Rosaria infatti tornò nel mirino dei giornalisti spiegando il perchè della sua prolungata assenza. Quell’anno la Cannavò stava infatti organizzando il suo matrimonio con Andrea Berti, un imprenditore ligure.

Leggi anche -> Manuela Ferrera, chi è l’ex meteorina: età, foto, social, flirt

Nel passato Rosaria Cannavò ha avuto molte relazioni che hanno attirato l’interesse dei suoi fan. Il suo primo amore a quanto pare è stato Antonio Cassano: la loro relazione, però, è finita nel 2006 (quando il calciatore è partito per Madrid). In seguito, la showgirl si è legata sentimentalmente a Christian Panucci: anche questa relazione però è finita (nel 2010, dopo svariati tira e molla tra i due). “E’ finita perché le ho detto che non avrei fatto un figlio con lei” ha spiegato all’epoca Panucci. “Non c’erano le basi giuste per creare una famiglia”.

Il matrimonio

Nel 2015 Rosaria Cannavò annuncia il matrimonio con Andrea Berti. I due sono stati fidanzati a lungo: così tanto, in effetti, che si vociferava avessero iniziato a vedersi quando la Cannavò stava ancora con Panucci (anche se lei ha sempre smentito tutto). Il 20 giugno 2015 i due convolano a nozze con una cerimonia sfarzosa celebrata in Sicilia: dopo il matrimonio si trasferiscono in Svizzera, e tutto sembrava andare bene.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

All’improvviso, però, la notizia: tra Rosaria Cannavò e Andrea Berti è finita. I due non hanno ancora spiegato il perchè della loro separazione: la donna però in un post Instagram ha già annunciato di avere un nuovo fidanzato.