Ibrahimovic, le FOTO al ristorante in zona rossa: il locale apre per lui

Zlatan Ibrahimovic sorpreso in un ristorante di Milano che a quanto pare avrebbe aperto appositamente per lui e per la sua compagnia.

Ibrahimovic al ristorante in zona rossa
Ibrahimovic al ristorante in zona rossa foto Fanpage

Ibrahimovic, reduce da un cartellino rosso rimediato nella vittoriosa trasferta del Milan a Parma sabato 10 aprile 2021, sta facendo parlare di sé per un’altra circostanza controversa.

Leggi anche –> Vaccino, Speranza annuncia le novità: “Pfizer e Moderna cambiano”

Alcune testimonianze riferiscono che l’attaccante svedese avrebbe ottenuto la apertura apposita per sé e per le persone che si trovavano con lui del ristorante ‘Tano passami l’olio’ a Milano.

Erano le ore 13:30 quando il locale ha aperto i battenti proprio per il calciatore e per la sua compagnia, con consumazioni che le voci riferiscono ammontino a 300 euro a testa. Il tutto in piena zona rossa, situazione che sta caratterizzando da tempo la Lombardia e che vieta ai ristoranti ed a qualunque altro locale di servire pasti ai tavoli.

Il tutto mentre fanpage ricorda di come alcuni dipendenti di quello stesso ristorante, situato in via Petrarca a Milano, versino attualmente in cassa integrazione.

Leggi anche –> Virus, ecco perché abbiamo più morti in Italia: parla Battiston

Ibrahimovic, al ristorante in zona rossa

Da quanto si evince, i colleghi di fanpage hanno ricevuto delle immagini da una fonte di Ibrahimovic, che ha preferito restare anonimo. Accanto al calciatore ci sono anche Ignazio Abate, ex calciatore del Milan, e lo chef Tano Simonato, proprietario di ‘Tano passami l’olio’ e noto per le sue posizioni negazioniste.

Leggi anche –> Rita Dalla Chiesa, polemica sul vaccino Astrazeneca a ‘Domenica In’

Nei mesi scorsi lo chef aveva definito il virus “una forte influenza, in realtà è tutto un disegno non dico da parte di qui. Non è vero che ci sono le terapie intensive piene”. Lo stesso Simonato ha affermato al giornale che al suo ristorante erano giunti Ibrahimovic, Abate ed un altro calciatore.

Secondo il suo racconto, l’incontro è durato dalle 13:30 alle 15:30 circa senza che sia stato servito alcun pranzo. “Si è trattato solamente di un incontro tra amici. Ci frequentiamo e capita di vederci anche presso altri conoscenti in comune. Abbiamo bevuto solo qualche bicchiere di vino”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

I giornalisti di fanpage gli hanno fatto notare che il suo ristorante non avrebbe dovuto comunque aprire. Cosa che ha suscitato la reazione scomposta di Simonato, che ha perso la pazienza”. Per quanto riguarda Ibra, il giocatore del Milan sta ricevendo critiche anche in virtù del fatto che la Regione Lombardia lo aveva scelto per girare uno spot per sensibilizzare le persone a rispettare le norme anti pandemia.

Foto dal web