Pensioni, dopo Quota 100 arriva la Quota 102: ecco come funziona

Quest’anno scadono Quota 100, Opzione donna e altre agevolazioni, ma che succede adesso con le pensioni? Forse arriva Quota 102

Pensioni quota 102

Con lo scadere di Quota 100, Opzione donna ed altre opzioni che anticipavano l’arrivo della pensione, si dovrebbero già essere opzioni sostitutive già decise. E invece no. Al momento aziende e lavoratori non hanno la più pallida idea di che cosa succederà una volta che queste soluzioni arriveranno alla data di scadenza. Il Governo, al momento, sta mettendo sul tavolo diverse proposte che devono tenere in considerazione tutti le conseguenze causate dalla pandemia di Covid-19. Se la campagna vaccinale riuscirà a dare l’immunità di gregge a luglio di quest’anno, si spera che da settembre ci sia un aumento dell’occupazione. Vista la situazione e quello che probabilmente dovremo affrontare, è improbabile che ci sarà un Quota 100 bis: l’età pensionabile potrebbe aumentare fino a 67 anni.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Pensioni, nuovi servizi sul portale dell’Inps: cosa cambia per i pensionati

Per le pensioni potrebbe arrivare Quota 102

Per superare in maniera propositiva Quota 100, le prossime riforme dovrebbero tenere in considerazione determinate categorie di lavoratori. Quelle industrie che hanno dipendenti problemi di salute, che hanno familiari a carico cui badare, che fanno lavori pesanti etc…dovrebbero avere dei fondi di solidarietà. Questi fondi sarebbero simili a quelli che oggi hanno le banche e le assicurazioni. Coloro che riceverebbero questi fondi esubero andrebbero poi in pensione a 67 anni, con una pensione degna e senza gravare sulla collettività.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Riforma delle pensioni, pressing dei sindacati sul Governo: le richieste

Questo progetto si deve però accompagnare a una proposta di legge che chiuda il ciclo delle riforme e che dia certezze a tutti i cittadini. Da questa volontà è nata l’idea di Quota 102: questa proposta manterrebbe i 67 anni anagrafici come requisito per la pensione di vecchiaia, con almeno 20 anni di contributi. Se questo permane, si potrebbe arrivare a un pensionamento flessibile con 64 anni di età e 38 anni di contributi (con massimo 2 anni figurativi, esclusi maternità, servizio militare e riscatti volontari). La pensione anticipata potrebbe arrivare con 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e un anno in meno per le donne.

Pensioni quota 102