Alberto Matano, “prestazione” da record: la rivelazione su Instagram

Il noto giornalista e conduttore Rai Alberto Matano si mostra su Instagram più felice e sereno che mai: ecco il motivo della sua gioia.   

Alberto Matano Instagram

Alberto Matano sta vivendo il suo periodo d’oro. Il noto conduttore e giornalista Rai con la testa è già alle vacanze estive. Nelle scorse ora è stato infatti annunciato che il suo fortunato programma, La Vita in Diretta, continuerà ad andare in onda anche in estate, ma con un altro conduttore (o conduttrice), visto che lui si prenderà molti giorni di ferie. Ma è soprattutto un’altra circostanza a renderlo particolarmente allegro e felice.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il nuovo traguardo di Alberto Matano

“Il sorriso della domenica e 150 mila abbracci a ognuno di voi”. Così scrive Alberto Matano nel suo ultimo post su Instagram, accompagnato da una foto nel quale l’ex mezzobusto del Tg1 si mostra più sereno e solare che mai. Il segreto sta proprio in quel numero: 150.000. Tanti sono infatti i suoi attuali followers su Instagram. 

Leggi anche –> Alberto Matano, la collega gli scrive “Mi manchi”: esplode il gossip

Si tratta di un traguardo molto importante e significativo per Alberto Matano, passato nel giro pochi mesi dal ruolo di giornalista pressoché sconosciuto al grande pubblico del mondo dei social e dello spettacolo a quello di popolarissimo personaggio con un vasto seguito di fan “virtuali” avidi di aggiornamenti giornalieri sulla sua vita pubblica e – soprattutto – privata.

Leggi anche –> La vita in diretta, Alberto Matano: la confessione privata sul vaccino

Anche in questa occasione i tanti fan e followers di Alberto Matano non hanno mancato di esprimere affetto, ammirazione e stima nei confronti del loro beniamino, ricoprendolo di complimenti e dolci parole. Il contatore di like, condivisioni e commenti corre rapidamente all’insù. Come si dice in questi casi, ad maiora!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alberto Matano (@albertomatano)