Andrei, chi è il disoccupato multato a Torino: chiedeva soldi per mangiare

L’uomo multato per avere chiesto l’elemosina racconta la sua triste storia. Le reazioni sono tutte di solidarietà nei suoi confronti.

Multato disoccupato a Torino
Multato disoccupato a Torino Foto dal web

Multato, ma per un qualcosa che fa discutere. Oltre al danno c’è anche la beffa per Andrei, un uomo che, prima della pandemia, lavorava come cameriere. Poi la necessaria e dolorosa chiusura di bar, ristoranti ed altri locali si è abbattuta come una scure sul comparto.

Leggi anche –> Porta al guinzaglio il marito per aggirare il coprifuoco: arriva la multa

In tanti non hanno più potuto riaprire, molti altri hanno dovuto licenziare buona parte del personale. E proprio questo è ciò che è accaduto ad Andrei, multato dalla polizia municipale di Torino per avere chiesto l’elemosina. Il tutto è accaduto sabato santo, 3 aprile 2021, nel capoluogo del Piemonte.

Lui, 47 anni, si era seduto sopra ad una cassetta della frutta nei pressi del mercato locale a corso Racconigi. Oltre a 300 euro al mese di cassa integrazione non gli restava altro che mettere da parte la dignità per cercare di racimolare qualcosa dalla generosità delle persone.

Il tutto sperando che non ci fosse qualcuno che lo riconoscesse, per non provare una grande umiliazione. Ma un sentimento simile Andrei deve averlo provato, dopo essere stato multato da una pattuglia dei vigili. Questi lo hanno fermato, chiedendogli di mostrare dei documenti. E poi gli hanno presentato la multa, di 400 euro.

Leggi anche –> Negazionista a caccia di ospedali vuoti, cosa ottiene? Figuraccia e multa

Multato, Andrei parla della sua vicenda: “Torino è contro i poveri”

Una sanzione superiore a quanto prende di cassa integrazione, che riportava come spiegazione l’avere violato le norme anti pandemia spostandosi “senza motivate e comprovate esigenze all’interno del territorio regionale.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Al momento dell’accertamento il trasgressore effettuava attività di accattonaggio”. Andrei, originario della Romania, da molto tempo vive in Italia dove si è sempre guadagnato da vivere in maniera onesta.

Leggi anche –> Al supermercato in due, coniugi multati mentre fanno la spesa

Al quotidiano ‘La Stampa’ lui ha detto che, pur di racimolare qualcosa da mangiare, va ai mercati un paio di volte la settimana armato di cartello e di speranza, per chiedere la carità. Ed al giornalista che l’ha intervistato domanda a sua volta con delusione: “Perché Torino ce l’ha con i poveri?”.

Foto dal web