Vasco Rossi: 40 anni fa usciva ‘Siamo solo noi’, inno generazionale

Il rocker Vasco Rossi festeggia una ricorrenza importante della sua lunga carriera: 40 anni fa usciva ‘Siamo solo noi’, inno generazionale.

(screenshot video)

Compie oggi 40 anni ‘Siamo solo noi’, il quarto album in studio di Vasco Rossi: il 9 aprile 1981, infatti, il rocker di Zocca pubblica forse il disco della svolta, quello che “anticipa” le sue due partecipazioni al Festival di Sanremo, con ‘Vado al massimo’ e ‘Vita Spericolata’, ma soprattutto il grande successo che tutti noi oggi conosciamo.

Leggi anche -> Lutto gravissimo per Vasco Rossi, morto l’amico di una vita

L’album, che esce l’anno dopo ‘Colpa d’Alfredo’, contiene nove tracce, compresa l’ultima che è il reprise di ‘Voglio andare al mare’. Oltre alla title track del disco, ci sono delle ballate come ‘Incredibile romantica’, ma anche brani in cui si evidenzia il rapporto complicato con l’universo femminile, come ‘Brava’.

Leggi anche -> Vasco Rossi: la sua ultima apparizione in tv a Sanremo 2005- VIDEO

‘Siamo solo noi’ compie 40 anni: l’omaggio di Vasco Rossi su Instagram

Non manca, a qualche mese dalla morte di Bob Marley, un brano reggae molto ironico come ‘Voglio andare al mare’, mentre fanno storcere il naso – oltre a ‘Siamo solo noi’ – anche altre canzoni del disco come ‘Ieri ho sg. mio figlio’ e soprattutto ‘Valium’. Lo stesso Vasco Rossi, sul suo profilo Instagram, ha oggi voluto rendere omaggio a questo album, evidenziando come in particolare ‘Siamo solo noi’ sia diventato un inno generazionale, perché segna un passaggio importante in quegli anni.

L’Italia cantata da Vasco Rossi nel disco, infatti, usciva da un periodo complesso come furono gli Anni di Piombo. Il brano venne definito da Rolling Stone la canzone rock italiana del secolo, “una miccia che in pochi secondi fa esplodere fiori, cannoni e simboli della pace”, scrive il rocker di Zocca su Instagram. Il conflitto generazionale, “grazie” a quel brano, torna o ritorna tra le mura domestiche. ‘Siamo solo noi’ nasce dallo sfogo di una madre che dice al figlio “Sei solo te”, invitandolo a guardare i figli degli altri. Un brano e un disco, insomma, che segnano un passaggio non solo nella carriera di Vasco Rossi, ma anche nel solco che gli anni Ottanta scavano nel nostro Paese.