Ornella Muti, la verità sulla relazione con Adriano Celentano: cosa è successo

La storia d’amore tra Adriano Celentano e Ornella Muti, iniziata sul set del film Innamorato pazzo, era rimasta segreta per anni…

Le “scappatelle” di Ornella Muti e Adriano Celentano sono state per anni il classico “segreto di Pulcinella”. Solo nel 2014 Adriano Celentano ha deciso di raccontare pubblicamente quel tradimento consumato nei primissimi anni Ottanta con la collega, allora compagna di Andrea Facchinetti (mentre lui era già sposato con Claudia Mori).

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quel vecchio flirt tra Ornella Muti e Adriano Celentano

Anche Ornella Muti ha poi deciso di tornare su quella vicenda, raccontando la sua versione dei fatti: “Adriano è stato l’unica infedeltà della mia vita”, ha innanzi tutto puntualizzato l’attrice, che con il Molleggiato ha realizzato due indimenticabili film, Il bisbetico domato e Innamorato pazzo, del 1981. Proprio sul set di quest’ultimo è scoppiata la passione tra i due.

Leggi anche –> Naike Rivelli furiosa con Celentano, non perdona la relazione con Ornella Muti

In quel periodo, tra l’altro, Adriano Celentano era in crisi con la moglie. A detta di Claudia Mori “eravamo gelosi tutti e due. Io mettevo le minigonne e lui me le tagliava. Sono stata io a fare soffrire Adriano. La sua è stata una reazione”. Lui – ha aggiunto l’attrice “si sentiva solo. Non era un tradimento d’amore. L’amore c’era sempre fra lui e me, fortissimo. Noi continuavamo a essere innamoratissimi l’uno dell’altra, io amo ancora tantissimo Adriano, che è un uomo profondamente buono, onesto, coerente”.

E il diretto interessato conferma: “Fra me e Claudia c’è sempre stato amore. Abbiamo attraversato una crisi, 20 o forse 30 anni fa, ma siamo una famiglia unita”. Con buona pace di quella piccola “distrazione”. Chi invece non l’ha presa per niente bene è Naike Rivelli, la figlia di Ornella Muti. Ma questa è un’altra storia…

Leggi anche –> Naike Rivelli: “Amo stare nuda ovunque. Celentano? Un pusillanime”