Marco Cestaro morto a 17 anni, la terribile storia: ipotesi rito satanico

Oramai sono passati quattro anni dalla morte di Marco Cestaro e ancora si indaga su cosa sia successo e torna l’ipotesi di un rito satanico 

Marco Cestaro

Quattro anni fa, il 16 gennaio 2017, Marco Cestaro venne trovato agonizzante sui binari della tratta ferroviaria Treviso-Udine e morì poco dopo all’ospedale Ca’ Foncello. Il ragazzo aveva 17 anni, era di Villorba e studiava all’istituto alberghiero di Lancenigo. Come il ragazzo sia arrivato ad essere in fin di vita su quei binari, è tutt’oggi un mistero. Tra le varie ipotesi fatte, quella che più continua a prendere piede è legata ai riti satanici. Sembra che Marco, in qualche modo, avesse a che fare con quel mondo e con persone che ci credono fermamente. “Vorrei essere l’addetto alla crocifissione di Gesù”: questa frase è stata postata in una chat di gruppo all’1.57 di notte del 12 gennaio 2017, quattro giorni prima la morte di Marco.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Tragedia nel mondo dello sport: calciatore morto impiccato a soli 32 anni

Nel caso di Marco Cestaro continua ad essere vagliata l’idea di un rito satanico

Oltre a queste chat in cui lui e i suoi amici parlavano del diavolo e i rave party in cui inneggiavano al capro infernale, c’è anche un’altra testimonianza che fa pensare alla pista satanista. Infatti, una studentessa ha rivelato che il suo compagno di banco le ha fatto una confidenza importante. Il ragazzo le ha detto di disegnare  simboli religiosi al rovescio e di scrivere molto spesso il numero del diavolo: il fantomatico 666. Ma la parte più preoccupante è che questo ragazzo le aveva confessato di aver incontrato a un rave una persona che si vantava di aver fatto del male a un ragazzo di nome Marco.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Matteo Salvini, matrimonio con Francesca: clamorosa indiscrezione

La giovane ha pensato immediatamente a Marco Cestaro e ha parlato di questa cosa. Sentendo questa testimonianza, la famiglia del giovane ha richiesto al giudice che venisse rigettata la tesi di suicidio e che venissero fatte indagini approfondite. Apparentemente, già da qualche mese prima di morire il ragazzo era spaventato da Satana e da ciò che aveva a che fare col diavolo. Temeva che potesse fare male alla sua famiglia e, solo poche ore prima del ritrovamento del corpo, aveva chiesto ad una professoressa alcune informazioni sul satanismo.

Marco Cestaro morto