Enrico Ianniello, chi è la moglie Gabriella Roca: età, foto, carriera, curiosità

“Sono innamorato della controfigura della mia partner in Un passo dal cielo”: ecco chi è Gabriella Roca, moglie dell’attore Enrico Ianniello.

Gabriella Roca ed Enrico Ianniello si sono incontrati sul set di Un passo dal cielo. Roca è la controfigura di Gaia Bermani Amaral (che, tra le altre cose, interpreta l’interesse romantico del personaggio di Iannello nella serie). “Ho conosciuto Gabriella fin dalle prime puntate” ha spiegato l’attore in un’intervista a Gossip Blog. “Lei è un’esperta cavallerizza ed era lì per occuparsi del cavallo di Terence; poi una volta capita che Gaia tarda ad arrivare dal trucco e qualcuno nota che Gabriella ha la sua stessa struttura fisica. Così le chiedono di provare la scena con me intanto che sistemavano il carrello e le luci”. I due si sono trovati bene sin da subito, ma l’amore ci ha messo un po’ ad arrivare: “abbiamo imparato a conoscerci giorno dopo giorno”.

L’amore

Innamorarsi su un set televisivo può essere un sogno. Enrico Ianniello ricorda perfettamente la prima volta che ha visto Gabriella in abito bianco: “nell’ultima puntata della prima serie chiedevo a Gaia di sposarmi. Lei mi veniva incontro lungo il lago, a cavallo, con l’abito da sera. Ecco, in quella scena in realtà c’era Gabriella. Ho pensato: è la donna dei miei sogni”.

Leggi anche -> Dove è stato girato Un passo dal Cielo 6, la location e i luoghi della fiction

Della vita privata di Gabriella Roca si sa poco: nonostante la donna sia la compagna di un attore, preferisce mantenere la privacy. Tutte le informazioni che si hanno su di lei sono state fornite nel corso di varie interviste proprio da Enrico Ianniello.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pensare che i due rischiavano di non incontrarsi: Enrico Ianniello in passato avrebbe voluto farsi prete. “Ho fatto un anno di seminario. Poi ho scoperto il teatro e me ne sono innamorato” ha raccontato l’attore. “Mi sono iscritto all’Accademia teatrale di Firenze e dopo due anni lavoravo”.