Draghi Conferenza stampa diretta 8 aprile Covid – VIDEO

La conferenza stampa del presidente del Consiglio, Mario Draghi: in diretta video oggi 8 aprile 2021 novità Covid.

(screenshot video)

Prosegue l’attività del governo presieduto dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, chiamato a fronteggiare una grave emergenza economica e sociale legata alla pandemia di Covid-19. Nel pomeriggio di oggi, alle ore 18:30, il premier tiene una conferenza stampa presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio.

Leggi anche –> “Draghi e lanciafiamme”, De Luca sfida il premier su scuola e vaccini

Per ragioni legate alle norme di contenimento del Coronavirus, sono ammessi in conferenza stampa solo 25 giornalisti, ma è possibile comunque seguire tutto in diretta video. L’accesso è legato a criteri di rotazione, alla presenza di un tampone antigenico antecedente all’arrivo in conferenza stampa, all’obbligo della mascherina Ffp2.

Leggi anche –> Draghi, lui e la moglie hanno ricevuto il vaccino Astrazeneca VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le parole di Mario Draghi in diretta oggi 8 aprile

Tra i temi trattati nella conferenza stampa, oltre alle misure economiche e a quello che avverrà nelle prossime settimane, con la possibilità di allentare le misure restrittive legate alle norme di contenimento Covid-19, anche un quadro sulla situazione del piano vaccinale italiano. Questo anche alla luce della circolare del Ministero della Salute con le raccomandazioni circa l’uso del vaccino AstraZeneca solo per gli over 60.

“Smettetela di vaccinare chi ha meno di 60 anni, con che coscienza un giovane salta la lista e si fa vaccinare”, ha tuonato il premier nel corso della conferenza stampa, accusando dunque chi usa degli escamotage per avere una corsia preferenziale nella campagna vaccinale. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, su questo punto è davvero intransigente: “Il rischio di decesso per Covid è massimo per coloro che hanno più di 75 anni, la conclusione è che bisogna vaccinare prioritariamente le categorie più fragili”.