Barbara Corvi, le terribili analogie con la scomparsa della cognata 12 anni fa

Due donne scomparse a distanza di 12 anni, collegate allo stesso uomo: Barbara Corvi e Angela Costantino sono state fatte sparire da Roberto Lo Giudice?

Due casi che hanno spaventose analogie e che sono avvenuti nella stessa famiglia e intorno alla stessa persona. Angela CostantinoBarbara Corvi, infatti, erano la cognata e la moglie di Roberto Lo Giudice, indagato per la scomparsa di entrambe le donne, nel 1994 e nel 2009. Gli inquirenti sono convinti che ci sia proprio lui dietro alla sparizione prima di Angela, poi di Barbara, svanita nel nulla dalla sua casa di Amelia, in provincia di Terni nel 2009. Di più, l’accusa è convinta che dietro la scomparsa di Barbara ci sia una regola mafiosa che prevede di far pagare un tradimento con il sangue e di non far mai più ritrovare il corpo.

Barbara Corvi e Angela Costantino: le indagini

Sì perché Barbara aveva tradito suo marito, che faceva parte del clan Lo Giudice mentre questo si trovava in carcere e secondo gli inquirenti potrebbe essere questo il movente della sparizione forzata della donna. Il Clan Lo Giudice è un’organizzazione mafiosa piuttosto potente, responsabile delle famose bombe ai giudici a Reggio Calabria nel 2010.

Leggi anche–> Nitto Santapaola, chi è il boss mafioso detto il Licantropo: la sua storia

Dopo tutti questi anni, la procura di Terni è riuscita finalmente a riaprire il caso della sparizione di Barbara e ad arrestare Roberto dopo circa dieci anni di libertà. Grazie al lavoro del magistrato Alberto Liguori, infatti, i fascicoli sono stati riaperti e Lo Giudice è finalmente in carcere, con l’accusa di aver fatto sparire Barbara avergliela fatta pagare per il tradimento. Il magistrato Liguori ha definito questa “un’inchiesta condotta tra reticenze, depistaggi e comportamenti omertosi nella migliore tradizione criminale.”
Leggi anche–>Antonello Nicosia condannato per mafia: la sentenza pesante

Durante le indagini sono state ricostruiti i vari depistaggi per sviare le indagini, le manipolazioni del computer di Barbara per creare false prove e creare la possibilità che si fosse trattato di un suicidio. L’ultimo importantissimo tassello però è il ritrovamento dei corpi di Angela e Barbara, mai rinvenuti finora.