Morta a 58 anni la mamma di Calcutta: uccisa da un mal di testa

Una notizia terrribile per tutti i fan dell’indie italiano: è morta la mamma di Calcutta, ad appena 58 anni. 

calcutta

Il mondo della musica, in particolare della musica indie si è svegliato con una terribile notizia, di quelle che davvero non vorresti mai leggere. Per tutti i fan di Edoardo D’Erme, conosciuto come Calcutta, questo è davvero un duro colpo e il vuoto lasciato dal lutto sembra essere veramente incolmabile: è morta a 58 anni la mamma del cantautore. Non solo la musica italiana e l’indie italiano sono sconvolti dalla notizia ma anche la città di Latina, che si è stretta attorno ad amici e familiari della donna.

La musica indie è vicina a Calcutta

Si è spenta all’età di soli 58 anni, la mamma di Calcutta, tra i capostipiti di quello che oggi è l’it-pop italianoDonatella Galeotti, questo il nome della defunta, era una donna carismatica e amata da tutti quelli che l’hanno conosciuta o che hanno avuto a che fare con lei. Insegnate di scienze umane al liceo Alessandro Manzoni di Latina ma anche attrice di teatro, Donatella è morta in seguito ad un violento mal di testa riscontrato nella notte che l’ha costretta a chiamare il 118.

Leggi anche–>Calcutta, chi è: età, carriera, vita privata del giovane cantautore

Nelle prime ore dell’alba di oggi 7 marzo, Donatela era ancora cosciente e ha avvertito la figlia, sorella di Calcutta, che si è subito precipitata all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina ma purtroppo per Donatella era troppo tardi e i medici non hanno potuto fare niente per salvarla. In questi giorni, Edoardo si trovava a Latina perché ha trascorso le vacanze di Pasqua in famiglia.

Leggi anche–> Gazzelle chi è: età, carriera e vita privata del cantautore

Il Liceo Manzoni, in cui insegnava Donatella, ha voluto ricordarla con un accorato post sul sito ufficiale della scuola: La nostra bellissima Donatella non c’è più. Siamo attoniti e pervasi da un dolore immenso. La sua gioia, la sua generosità, il suo estro, il suo profondo amore per l’insegnamento, la sua attenzione e cura verso il prossimo sono doni che la comunità scolastica del Liceo “Manzoni” ha avuto il privilegio di ricevere e che porterà sempre con sé.”

musica