Ps5, nuova esclusiva targata Remedy secondo un insider affidabile

Secondo un insider Sony avrebbe ingaggiato Remedy per creare un’esclusiva di peso per Ps5: cosa sappiamo per il momento.

Negli ultimi due anni Microsoft ha acquisito decine di software house allo scopo di offrire ai suoi utenti affezionati un numero maggiore di esclusive. Negli anni Xbox 360 la casa americana si è affidata alle esclusività temporali per spingere il brand, ma già a fine generazione questa mancanza di giochi proprietari si è fatta sentire, consentendo ad una Ps3 partita in ritardo e forte svantaggio di recuperare strada e superare per numero di consolle vendute la rivale.

Non solo, la politica di Sony di ampliare il parco esclusive con Ps3 ha avuto i propri frutti soprattutto nella generazione Ps4, con i videogiocatori invogliati a comprare una consolle per giocare alle esclusive create dai team interni di Sony. La posizione di forza così conquistata ha invogliato i dirigenti nipponici a investire sullo sviluppo di ip proprietarie che fossero sviluppate dai migliori team indipendenti del mondo: è il caso di Bloodborne, Nioh, Death Streanding e Spiderman (Dopo il successo di questa Ip la casa nipponica ha acquisito Insomniac).

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ps5, nuova esclusiva targata Remedy in arrivo?

La politica aggressiva di Microsoft fronte acquisizioni ha costretto Sony ad investire ulteriormente nelle sue software house interne, che nella maggiore parte dei casi sono state ampliate per poter supportare lo sviluppo di due o più titoli per volta. D’altronde anche l’architettura della Ps5 è stata studiata appositamente per accelerare i tempi di sviluppo e permettere alle software house di impiegare meno tempo per l’ottimizzazione dei propri prodotti.

Leggi anche ->Ps5, bagarino difende la speculazione: “Ho guadagnato 10.000 euro, perché non dovrei”

A questa strutturazione interna è stato affiancato un grosso finanziamento per lo sviluppo di Ip proprietarie da affidare a compagnie delle terze parti, ovvero non dipendenti da Sony. Inoltre durante le riunioni finanziarie è stato sottolineato che non è esclusa l’aggiunta di nuove software house all’interno della famiglia Playstation. Ma per questo ci vorrà tempo e se ne parlerà nei prossimi mesi e anni.

Leggi anche ->Ps5, carenza di scorte? Potrebbe protrarsi sino alla metà del 2022

Nelle scorse ore è giunta dall’insider Shpeshal, la voce secondo cui tra i vari titoli finanziati ci sarebbe anche un’Ip esclusiva affidata a Remedy Entertainment, uno degli studi di sviluppo più importanti e acclamati al mondo. Non vi sono conferme ufficiali né da parte di Sony né da parte di Remedy. Tuttavia Shpeshal è ritenuto uno degli insider più affidabili in circolazione, è stato lui ad anticipare, ad esempio, l’inclusione di Final Fantasy VII Remake nel Ps Plus. Inoltre di recente Claire Bromley, Global External Producer presso PlayStation, ha condiviso sul proprio profilo Linkedin vari annunci di lavoro presso Remedy. Non si tratta di una prova, ma è comunque un indizio che potrebbe andare a supporto del recente rumor.