Nina Zilli, la storia con Neffa finita male: la confessione della cantante

Nina Zilli e Neffa sono stati insieme per un anno: i due cantanti hanno anche scritto una canzone insieme… ma poi cosa è successo?

“E’ iniziata come una favola ma si è trasformata presto in un calesse. Un’amica mi disse all’epoca: ‘Hai scelto lui perché ti volevi punire’. La verità è che seguo il mio istinto”: così Nina Zilli (il cui vero nome è Maria Chiara Fraschetta) ha descritto la sua relazione con il collega Neffa (pseudonimo di Giovanni Pellino).

Una battaglia contro i mulini a vento

La vita romantica di Nina Zilli non è sempre andata bene. “Fino ai 16 anni ero l’eterna innamorata non corrisposta. Con la mia amichetta del cuore eravamo due sfigate cicciottine: lei con i baffetti neri da adolescente, io con l’apparecchio per i denti esterno. Stavamo tutto il giorno insieme. A parte vedere lei, ero piuttosto solitaria” ha confessato la cantante. Lei e Naffa sono stati insieme per poco più di un anno, ma le cose non sono finite bene.

Leggi anche -> Nina Zilli, chi è l’ex fidanzato Omar Hassan: perché è finita la loro storia

“Ero arrivata a un punto in cui stavo più male che bene, la nostra era una storia di incompatibilità: io avevo chiaro in testa che cosa provavo, lui no. E quando si arrivava alla domanda chiave, ‘sei innamorato?, lui non sapeva rispondere”: così si è sfogata Nina Zilli, raccontando della fine della sua relazione con Neffa in un’intervista a Vanity Fair. “Ha 47 anni. Non si fida delle persone. Capisco che se la vita ti scotta è difficile tornare ad aprirsi, ma io ci ho provato in tutti i modi e alla fine ho realizzato che era una battaglia contro i mulini a vento”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

“Quando è finita, almeno con la coscienza ero a posto. Chi non soffre quando finisce un amore? La cosa buffa è che io e Giovanni abbiamo scritto insieme una canzone, Schema libero, in cui immaginavamo il giorno in cui ci saremmo lasciati e dicevamo: ‘sono a terra ma non c’è pericolo. Faccio cruciverba a schema libero’. Il senso era: anche se finirà saremo bravi, non faremo tragedie. Siamo stati profetici, ma forse un po’ troppo ottimisti”.