Denise Pipitone, brutte notizie dalla Russia: Piera Maggio furiosa

La verità sul caso di Denise Pipitone era attesa per oggi, ma la televisione russa ha deciso per il rinvio del programma. Ecco perché.

Da oltre una settimana si parla del caso di Denise Pipitone, la bambina di Mazara del Vallo scomparsa nel lontano 2004. Recentemente una giovane ragazza russa, Olesya Rostova, è saltata in cima alle cronache di tutto il mondo in quanto molto somigliante alla piccola Denise. Per oggi erano attesi i risultati dell’esame del DNA per confermare l’identità della giovane.

Il test del DNA eseguito su Olesya Rostova doveva essere svelato dalla televisione russa proprio oggi, martedì 6 aprile 2021. Eppure non sarà così, in quanto il programma si sta rifiutando di comunicare gli esiti dell’esame alla famiglia di Denise Pipitone. Il programma è stato rinviato 24 ore fa ed oggi è arrivato l’avviso di un nuovo slittamento, in quanto la giovane russa sarebbe indisposta per presentarsi in televisione. Piera Maggio e il suo avvocato, però, insistono per sapere in anteprima la verità riguardante il gruppo sanguigno della giovane.

LEGGI ANCHE -> Denise Pipitone oggi, “circo mediatico colpa del legale della madre”

LEGGI ANCHE -> Denise Pipitone, dalla famiglia pressione sulla tv russa: “Prima la verità”

Piera Maggio, il dolore per l’attesa dei risultati

Una telespettatrice del programma russo ha detto la sua sui social, facendo sapere che spesso la trasmissione utilizza questi mezzi per risolvere la questione all’interno del programma. Sembra che le potenziali donne a cui sono state rapite le figlie negli ultimi vent’anni si sottoporranno al test del DNA e soltanto dopo verrà fatto un confronto con quello di Olesya Rostova. Questa soluzione non piace agli italiani che parlano di circo mediatico e accusano il Primo Canale russo di non rispettare il dolore di Piera Maggio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Il dolore di un genitore non si ripaga con il ricatto mediatico. Rimaniamo sempre cauti, vogliamo certezza e basta“, queste le parole di Piera Maggio, che non prenderà parte alla trasmissione. Gianluigi Nuzzi si è esposto sul caso di Denise Pipitone, sostenendo che sia aberrante questo genere di attesa: “La vicenda non può essere chiarita in base all’iniziativa privata di un editore televisivo“.