L’annuncio di Sileri: “Riaperture dopo il 30 aprile”, tutti i dettagli

Sileri parla delle possibili riaperture. Tutto sembra slittare alla fine del mese. Nulla di fatto per chi sperava in una data più vicina.

Il Covid continua a flagellare l’Italia che ora si trova divisa in zone rosse ed arancioni. Tutti coloro che sono impossibilitati a lavorare chiedono a gran voce una riapertura. Tra proteste e ripresa dei contagi la situazione è molto tesa.

Oggi, arriva anche il commento del sottosegretario alla Salute, Sileri a “24Mattino” su Radio 24. Parole che fanno intravedere una luce in fondo al tunnel. Tutto dipenderà dal rispetto delle norme anti-Covid. Scopriamo i dettagli.

Sileri, arriva una previsione per le riaperture: ecco cosa c’è da sapere

“Realisticamente credo che le riaperture arriveranno dopo il 30 aprile“. Parole che lasciano intravedere un barlume di speranza ma che mostrano molto bene l’incertezza del periodo. Il sistema di chiusure rigido e la cancellazione momentanea delle zone gialle hanno aiutato a limitare la diffusione dei contagi.

Leggi anche -> Covid, in Puglia finiti i posti in terapia intensiva con l’Ecmo

Una situazione che però sta diventando insostenibile per tutti coloro che non possono riprendere le loro attività lavorative. Tutto dipenderà dal miglioramento dei dati. La speranza è che l’adozione di un sistema più rigido porti a un miglioramento per fine mese, ma l’incertezza è ancora tanta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Un altro grande interrogativo è se ci saranno aperture anticipate o se si cercherà di consolidare la situazione. Molte domande che però faticano a trovare una risposta. Ciò che è certo è la cancellazione delle zone gialle, la priorità del Governo sembrerebbe essere quella di contenere e limitare il più possibile l’aumento dei contagi.

Leggi anche -> Variante giapponese Eek, cosa si sa sulla nuova minaccia Covid

“Tutto dipende dall’andamento dei dati. (…) Ad oggi è tutto fermo fino al 30 di Aprile”. Queste le parole finali di Sileri che ricorda ancora una volta quanto sia difficile fare realmente delle previsioni.