Tamponi gratis per tutti due volte a settimana: l’Inghilterra contrasta anche così il Covid

Al fine di contrastare la diffusione del covid e permettere maggiore libertà di movimento, l’Inghilterra offre ai cittadini tamponi gratuiti.

Tra i Paesi appartenenti al vecchio continente, la Gran Bretagna è sicuramente quello che ha gestito meglio la campagna vaccinale. Il governo britannico ha acquistato un maggior numero di dosi di vaccino, accelerando le operazioni di verifica e accettazione dei vaccini sul proprio territorio. Sebbene la Pfizer abbia presentato la richiesta di diffusione del proprio prodotto prima negli Usa, proprio la Gran Bretagna è stato il primo Paese ad approvarne la distribuzione e l’utilizzo.

Il risultato è che la metà della popolazione del Gran Bretagna ha ricevuto già il vaccino e se dovesse continuare a somministrare dosi a questa velocità, entro l’estate l’intera popolazione avrà ricevuto la propria dose. Nel frattempo il governo ha deciso di mettere in campo una nuova arma di contrasto alla diffusione del contagio, così da permettere ai cittadini di riprendere a muoversi con maggiore libertà e all’economica di ripartire dopo un anno disastroso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche ->Zona rossa, la mappa dell’Italia dopo Pasqua e le novità introdotte

Tamponi gratis per tutti due volte a settimana

Pare, infatti, che il governo britannico sia intenzionato a concedere a tutti i suoi cittadini due tamponi gratis ogni settimana. Chi lo vorrà potrà sottoporsi al test anche in assenza di sintomi, così da escludere di aver contratto il virus o da intercettarlo in tempo per evitare di creare nuovi focolai potenzialmente dannosi. Nella nota il governo ha anche aggiunto che oltre alle scuole e ai posti di lavoro, verranno aggiunti nuovi centri per condurre test rapidi.

Leggi anche ->Covid, mascherina obbligatoria in spiaggia e piscina: paura quarta ondata

Chiunque, dunque, avrà l’opportunità di sapere in 30 minuti se ha contratto o meno il virus. In questo modo si può pensare di riaprire tutto in maniera graduale e maggiormente sicura. Il premier Boris Jhonson ha commentato in questo modo la decisione: “Mentre continuiamo a fare buoni progressi nel nostro programma di vaccinazione e procede la roadmap per allentare cautamente le restrizioni, test rapidi regolari sono anche più importanti per assicurare che i nostri sforzi non vadano sprecati”.