Flavio Briatore, il dramma del cancro scoperto per caso nel 2006

Quindici anni fa al noto imprenditore Flavio Briatore fu diagnosticato un cancro maligno al rene sinistro. Ecco com’è andata. 

Era il 2006 quando, dopo una visita alla clinica Mayo di Rochester (Minnesota, Stati Uniti), a Flavio Briatore fu viene diagnosticato un cancro maligno al rene sinistro. Il noto imprenditore decise di farsi operare presso la clinica Quisisana di Roma, e fortunatamente l’operazione andò a buon fine. L’esperienza della malattia ha però lasciato in lui un segno profondo e indelebile.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI 

Coronavirus Italia Briatore

Un fulmine a ciel sereno nella vita di Flavio Briatore

La scoperta della malattia ha segnato per Flavio Briatore l’inizio di un percorso fatto di paura e angoscia. Il tumore maligno al rene sinistro l’ha costretto a subire un’operazione molto delicata e a fare i conti con una fragilità da cui credeva di essere immune.

Leggi anche –> Flavio Briatore ha rischiato grosso, fan senza parole: “Coraggio o follia?”

“Mi sentivo immortale”, ha confessato Flavio Briatore in un’intervista rilasciata all’epoca al Corriere della Sera. “Ci sentiamo immortali, invece dovremmo ringraziare Dio ogni mattina soltanto perché ci facciamo la barba. Pensi che forse tutto quello che hai costruito serve fino a un certo punto. Magari è inutile. Avevo un cancro maligno al rene sinistro, se non avessi fatto un controllo, tra sei mesi me la sarei vista brutta”.

Leggi anche –> Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore insieme per la festa di Nathan

“Ho accettato il verdetto – ha aggiunto Briatore – che altro dovevo fare? Io sono credente e fatalista, nella vita ognuno di noi ha una specie di libretto, puoi modificare qualche capitolo, non tutto il testo”. Dopo l’intervento “sono stato molto con me stesso e ho deciso che ci starò sempre di più: c’è almeno un quindici per cento di superfluo nella mia vita di prima, ne farò a meno. Voglio dedicare più tempo a me e a chi può avere bisogno”. Chissà se la promessa è stata mantenuta…