Studentessa incinta, partorisce a 13 anni durante il test di matematica

Una studentessa incinta porta a conclusione la sua gravidanza inattesa in classe, davanti ai compagni. Come era finita incinta. “Mi ha adescata un altro ragazzo durante il lockdown”.

Studentessa incinta
Studentessa incinta Foto dal web

Studentessa incinta, porta a termine la gravidanza proprio a scuola. Succede in occasione di un compito di matematica in classe, davanti agli occhi dell’insegnante e dei compagni di classe. La vicenda riguarda una adolescente di 13 anni e ha avuto luogo nella città di Buwama, nello stato africano dell’Uganda.

Leggi anche –> Genova, 20enne molestata sull’autobus. Carabiniere: “Sei una bella ragazza”

La giovanissima ha affermato che, in occasione del lockdown dei mesi scorsi, un altro ragazzo l’aveva adescata, avendo facilmente la meglio su di lei fino a consumare un rapporto. Che pare non sia stato affatto consenziente.

In realtà in classe sono cominciate le contrazioni. Ben presto tutti i presenti hanno capito cosa stesse accadendo e così è intervenuta una ambulanza, che ha portato la studentessa incinta nel più vicino ospedale.

Leggi anche –> Monza, abusi e violenze per mesi: 46enne arrestato per stupro e revenge porn

Studentessa incinta, dopo il parto lei prega affinché possa tornare a scuola a finire il test

Il parto ha così avuto successo dopo che si è svolto senza alcuna complicazione. Ma quello che colpisce ulteriormente in questa vicenda sta nel fatto che la 13enne ha pregato i medici di consentirle di fare ritorno a scuola per completare il test di matematica.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Cosa che è avvenuta, con docente e preside che hanno concesso alla adolescente quasi un’ora di tempo supplementare in ciò. Mamma e bimbo stanno molto bene ma ora entrambi verranno seguiti molto da vicino dai locali servizi sociali.

Leggi anche–> Madre di 32 anni, dopo aver subito uno stupro di gruppo si suicida

Non si sa se lei abbia intenzione di fare il nome del padre. Quel che è certo è che la ragazzina ha scelto di tenere con sé il bambino. Se ci saranno le condizioni questo le sarà concesso, altrimenti ci penseranno proprio i servizi sociali.

Foto dal web