Festino con parlamentari, tanti vip al party abusivo: è polemica

Scoperto un festino con parlamentari ed alti funzionari, il tutto senza rispettare le norme anti pandemia attualmente vigenti.

Festino con parlamentari
Festino con parlamentari Foto dal web

Festino con parlamentari, il tutto mentre imperversa la pandemia. La notizia è stata accolta con biasimo generale da parte di stampa ed opinione pubblica ed ora monta la polemica dove è accaduto questo spiacevole episodio.

Leggi anche –> McKennie Dybala, il vicino: “Festino in tanti e con diverse ragazze”

Il fattaccio giunge da San Marino, dove giovedì 1° aprile le forze dell’ordine hanno scoperto un assembramento del tutto illegale e contro le regole. Il tutto era avvenuto per ‘festeggiare’ la nomina dei due nuovi capi di stato della Repubblica del Titano, che vengono eletti periodicamente ogni sei mesi.

Con loro c’erano anche svariate personalità politiche locali. Tutti loro si sono incontrati per brindare insieme, andando però totalmente contro alle norme vigenti. Teatro dell’incontro è stato un negozio situato nel centro storico di San Marino.

Il festino con parlamentari e reggenti della Serenissima Repubblica è stato notato da alcuni passanti. Da qui all’inoltrare una telefonata alla Gendarmeria sanmarinese c’è voluto poco. E così nel breve volgere di pochi minuti è sopraggiunta una pattuglia che ha controllato cosa stesse accadendo all’interno dell’esercizio commerciale.

Leggi anche –> Juve, festino con 20 persone a casa McKennie: c’erano anche due compagni

Festino con parlamentari, la cosa suscita polemiche a San Marino

Tra i presenti, alcuni hanno dovuto rispondere di utilizzo improprio od errato delle mascherine e diversi altri di mancato rispetto del distanziamento fisico. Questo è valso una multa per ognuno degli individui sorpresi a partecipare a questa festa, con un importo dai 500 ai 1000 euro.

Leggi anche –> Scappa in go kart, polizia e carabinieri lo inseguono per un’ora VIDEO

Due dei funzionari coinvolti hanno voluto porgere le proprie scuse ma negano che si sia trattato di un party organizzato. Tutto quanto è avvenuto quasi per caso, a detta loro. Ma entrambi non negano una certa “superficialità” e questo li ha spinti a rassegnare le proprie dimissioni.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Perché quando è un politico, rappresentante dei cittadini, a compiere una leggerezza del genere ed a dare il cattivo esempio, questo è un passo inevitabile da dovere compiere. Eppure non sempre avviene.

Foto dal web