Bambino nasce con tre peni: è il primo caso al mondo di trifallia

Un bambino è nato con una rarissima malformazione anatomica. I medici hanno scoperto il primo caso al mondo certificato di trifallia.

Da giorni si parla della rarissima malformazione anatomica ai genitali con cui è nato un bambino. La notizia ha fatto il giro del mondo ed è stata pubblicata anche dal New York Post ma arriva da Duhok, in Iraq, dove è nato il bambino. I genitori lo avevano portato in ospedale per farlo visitare e quando i medici lo hanno visto hanno notato la malformazione.

Quando il piccolo nato a Duhok è stato portato in ospedale a causa di un gonfiore allo scroto, i medici hanno notato la malformazione genetica: “Per quanto ne sappiamo, questo è il primo caso certificato di trifallia“. Il bambino è nato infatti con due peni in più, come confermato dal Dottor Shakir Saleem Jabali in uno studio pubblicato sull’International Journal of Surgery Case Reports. I medici hanno svolto delle analisi approfondite per comprendere se il bambino fosse stato esposto a farmaci durante la gravidanza o se avesse una storia familiare con anomalie genetiche.

LEGGI ANCHE -> Bambino ha un occhio gonfio ma è un tumore al cervello da 10 cm

LEGGI ANCHE -> Bambino di 4 anni muore in casa: gravemente malato, mandato via dall’ospedale

Bambino nasce con due peni in più, i medici proseguono con l’operazione

Dopo gli esiti negativi dei test e considerato il fatto che solo uno dei tre peni aveva un’uretra, i medici hanno rimosso chirurgicamente gli altri due peni, ha confermato il Dottor Shakir Saleem Jabali. Sembrerebbe che uno su cinque-sei milioni di bambini nasca con più di un pene, ma per il momento questo caso è unico al mondo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

A distanza di un anno, il piccolo sembra godere di ottima salute e non ha riportato alcun danno in seguito all’operazione. I medici di Duhok non hanno saputo darsi una spiegazione sul perché il bambino sia nato con due peni in più, in quanto non sembra che nessun medicinale assunto dalla madre abbia potuto causare la malformazione genetica e non ci sono elementi nella storia familiare che motivino l’anomalia.