Selen, chi è l’ex marito Antonio Putortì: si sono lasciati dopo un anno

Selen e l’ex marito Antonio Putortì sono stati sposati solo un anno: chi è l’uomo e cosa fa oggi? Conosciamolo meglio.

“Dopo pochi mesi dalle nozze, l’uomo con cui pensavo di passare la vita e che avevo lasciato entrare in quella di mio figlio, non ha retto alle responsabilità”: così ha spiegato Selen (il cui vero nome è Luce Caponegro) parlando della sua separazione da Antonino Putortì. “Ora mi godo la serenità ritrovata, poi in futuro farò dei corsi nel mio centro per insegnare alle donne a mantenere l’austostima”.

Cosa fa ora lui

Luce Caponegro (in arte Selen) e Antonino Putortì si sono conosciuti nel 2013 in un villaggio turistico a Ragusa. Innamorati, i due avevano deciso di vivere insieme non solo come marito e moglie, ma anche come colleghi: così hanno aperto insieme un centro benessere, il Centro Olistico Luce. Dopo la separazione, Putortì ha dichiarato di avere intenzione di aprirne un altro (questa volta con la nuova compagna), diventando di fatto parte della concorrenza dell’ex.

Leggi anche -> Selen, chi è l’ex pornostar: età, foto, carriera, figli, cosa fa adesso

Fin da subito, però, c’era qualcosa che non andava. La conferma che le cose non stessero andando benissimo è arrivata quasi subito dopo le nozze: i paparazzi hanno fotografato Selen da sola in luna di miele (mentre di Antonino Putortì non c’era traccia).

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Antonio Putortì è da poco diventato padre. La moglie Alessia Padoan, però, ha deciso di partorire in un luogo piuttosto particolare. “Il parto nel bosco nasce dal desiderio di ritornare alla natura. Niente a che fare con l’incoscienza. Avevamo organizzato tutto, con l’ospedale a 10 minuti di distanza in caso di bisogno e tutto è stato fatto in piena legalità”. Così è nato il piccolo Michelangelo, aiutato dall’infermiera Elena Cecchetto. “E’ specializzata in parti in casa e ne ha seguiti più di ottanta. Era la prima volta però che assisteva a un parto in un bosco”. Putortì ha anche spiegato che il parto è durato molto più di quanto si aspettassero: “Alessia ha partorito in piedi, all’interno della tenda rossa e abbiamo lavorato molto sul dolore”.