Pamela diventa nonna a soli 34 anni: “E’ una benedizione”

Pamela Gerardi, ragazza di soli 34 anni, annuncia su Facebook la nascita del nipotino: è diventata una delle nonne più giovani d’Italia.

In un periodo storico in cui si pensa prima agli studi e poi alla carriera lavorativa, relegando al momento in cui si è raggiunta una stabilità economica il progetto di fare un figlio, Pamela Gerardi è un caso più unico che raro. Questa ragazza di Marsala (Sicilia), è infatti diventa madre per la prima volta a 18 anni e per la seconda volta a 31 ed ora accoglie in casa anche il nipotino, figlio della sua primogenita 16enne.

Un evento lieto che trasforma la giovane siciliana in una delle nonne più giovani del nostro Paese. Pamela ha lasciato il lavoro 3 anni fa, quando all’arrivo della secondogenita ha deciso di dedicarsi totalmente a lei, così da poterle dedicare tutte le attenzioni che necessita. Adesso si trova a dover dare una mano anche alla figlia più grande, consigliandola su come accudire il figlio. Il piccolo potrà contare su una batteria di nonne, visto che la bisnonna ha solo 58 anni e la trisavola ne ha 80.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche->Nonna Maria, l’appello a Zingaretti: “A 94 anni ancora in attesa del vaccino”

Nonna Pamela innamorata del nipotino: “E’ una benedizione”

Piena di gioia per la nascita del nipote, Pamela su Facebook scrive: “Se diventare nonni fosse solo una questione di scelta, consiglierei a ognuno di voi di diventare nonna… Fino a qualche mese fa, certamente non pensavo di diventare nonna a 34 anni. Essere nonni non significa essere vecchi, significa essere stati benedetti con il regalo più bello che possa esistere”.

Leggi anche ->“Sono rimasta incinta mentre ero già incinta”: una storia incredibile

Nello stesso post la donna ringrazia medici ed infermieri che si sono occupati di far nascere il suo nipotino, quindi riserva ancora qualche parola d’amore al neo arrivato: “E’ un bambolotto: sono una nonna innamorata. I figli sono un dono di Dio”.