Stanza del silenzio assoluto, dopo pochi minuti impazzirete: ecco perché

Sembra fantascienza eppure è realtà! Una stanza in silenzio assoluto, tanto da far impazzire chiunque ci rimanga per più di qualche minuto. 

E’ possibile che il silenzio assoluto diventi talmente assordante essere insopportabile e portare alla fuga, alla ricerca di rumore? Nelle camere anecoiche sì! La camera aneoica è un luogo, ricreato artificialmente da esperti, in cui c’è il silenzio assoluto, quasi impossibile da ottenere in natura dato che ci saranno sempre suoni sottofondo, anche in alta montagna. Questa stanza incredibile ha un rumore al di sotto dei 15 decibel, quindi per l’uomo è il totale silenzio. Per molti l’idea è allettante e affascinante, certo, ma la realtà è ben diversa: nessuno è mai riuscito a stare in una stanza anecoica per più di 45 minuti. Perché?

Nel silenzio assoluto si sente il sangue scorrere

Anche se un luogo di silenzio assoluto è una prospettiva avvincente per tutti noi abituati a vivere nella frenesia delle città, rumorose sempre e costantemente, la verità è che non è sopportabile una reale situazione in cui non vi siano rumori di sottofondo. La camera anecoica è infatti un luogo insieme affascinante e terribile: nessuna temperatura, nessuna ombra, nessun rumore, sembra di essere morti.

Leggi anche–> Esperimento Kentler | “Così la Germania ha favorito legalmente i pedofili”

Ce n’è una anche in Italia, all’Università di Ferrara e i racconti di chi ci è entrato sono incredibili e spaventosi. Dopo qualche minuto di permanenza, infatti, si comincia a percepire un ronzio: è l’attività cerebrale. Poi il battito cardiaco, come non lo avete mai sentito prima, poi lo scorrere del sangue nelle vene. La curiosità lascia il posto dell’ansia. Così, il record di permanenza in una stanza anecoica è di 45 minuti di inferno.

Leggi anche–>Le mascherine riducono l’ossigeno nel sangue? Ecco l’esperimento

Ma la camera anecoica non è solo un esperimento: è utilizzata da molte aziende di diverso genere che ricercano un suono particolare, da ottenere proprio in una situazione di assoluto silenzio. In quella dell’Università di Ferrara, ad esempio, è arrivata l’Alfa Romeo, che cercava uno specifico effetto sonoro per i tasti del cruscotto della Giulia Quadrifoglio.

silenzio